Emmy nominations 2015: gli esclusi e le sorprese

67Emmys_Nominations_1180x520-webcast

Sono state annunciate ieri le nominations per gli Emmy Awards 2015, la cui cerimonia si svolgerà il prossimo 20 settembre. Come ogni anno ci sono stati alcuni nomi prevedibili, alcuni nomi inaspettati mentre altri dati per certi sono stati ignorati, purtroppo o per fortuna a seconda delle preferenze.

Senza temporeggiare ulteriormente, vediamo quali sono state le scelte dell’Academy e commentiamole insieme.

OUTSTANDING DRAMA: Better Call Saul, Downton Abbey, Game of Thrones, Homeland, House of Cards, Mad Men, Orange Is the New Black. La grande novità è senza dubbio Better Call Saul, spin-off/prequel di Breaking Bad, accolta con calore da pubblico e critica, cosa che già lasciava intuire la possibilità della nomination, soprattutto considerando l’immeritato favoritismo di cui la serie madre ha sempre goduto. Come ogni anno, Downton Abbey mantiene con fermezza la sua posizione tra le nominate, pur con una stagione al di sotto delle precedenti; lo stesso dicasi per Mad Men, giunto finalmente alla fine. Degni di nota Orange Is the New Black, che quest’anno concorre come drama e non più come comedy, grazie alle nuove regole istituite dalla Television Academy e, come sempre, The Americans che viene incomprensibilmente ignorato. Ovviamente nominato anche Game of Thrones, sebbene ormai abbiamo imparato che sperare nella vittoria sia una causa persa in partenza.

LEAD ACTOR IN A DRAMA: Kyle Chandler (Bloodline), Jeff Daniels (The Newsroom), Jon Hamm (Mad Men), Bob Odenkirk (Better Call Saul), Liev Schreiber (Ray Donovan), Kevin Spacey (House of Cards). In questa categoria sembra di ripetere ogni anno gli stessi commenti: Jeff Daniels e Jon Hamm ricevono nomination a priori, anche se avessero solo scene mute per tutta la stagione, soffiando il posto a chi se lo meriterebbe e invece viene sempre snobbato, primi fra tutti Matthew Rhys (The Americans) e Michael Sheen (Masters of Sex).

emmy_drama

LEAD ACTRESS IN A DRAMA: Claire Danes (Homeland), Viola Davis (How To Get Away With Murder), Taraji P. Henson (Empire), Tatiana Maslany (Orphan Black), Elisabeth Moss (Mad Men), Robin Wright (House of Cards). Ci sono senza dubbio tre grandi assenti: Michelle Dockery (Downton Abbey), Lizzy Caplan (Masters of Sex) e soprattutto Julianna Margulies (The Good Wife), rimpiazzate dalle nuove leve; di queste ultime, l’unica in cui speravamo era Viola Davis, insuperabile nei panni di Annalise Keating. Parecchie lamentele sono state riversate sul web per l’assenza di Taylor Schilling e Kerry Washington: sulla prima potremmo essere d’accordo, sulla seconda diremmo che si è ristabilito l’ordine naturale delle cose. Candidatura a sorpresa per la protagonista di Orphan Black, che va così ad accontentare tutti i fan della serie che da tempo speravano che le fossero riconosciuti i suoi meriti.

SUPPORTING ACTOR IN A DRAMA: Jonathan Banks (Better Call Saul), Ben Mendelshon (Bloodline), Jim Carter (Downton Abbey), Peter Dinklage (Game of Thrones), Michael Kelly (House of Cards), Alan Cumming (The Good Wife). Suscitano perplessità la nomination di Michael Kelly, dato che la sua è stata la storyline più inutile della terza stagione di House of Cards, e l’assenza di Mandy Patinkin per Homeland. Suona un po’ un contentino la candidatura di Peter Dinklage, che nonostante rimanga il nostro favorito, non ha avuto un ruolo di primo piano in Game of Thrones a confronto con le altre stagioni; sarà un modo per scusarsi delle mancate vittorie negli ultimi anni?

emmy_actors_drama

SUPPORTING ACTRESS IN A DRAMA: Joanne Froggatt (Downton Abbey), Lena Headey (Game of Thrones), Emilia Clarke (Game of Thrones), Christina Hendricks (Mad Men), Uzo Aduba (Orange Is the New Black), Christine Baranski (The Good Wife). Finalmente una categoria che dà soddisfazione! Joanne Froggatt è senza dubbio una favorita, soprattutto dopo la vittoria ai Golden Globes, ma la performance di Lena Headey nella quinta stagione di Game of Thrones è stata superba.

OUTSTANDING COMEDY: Louie, Modern Family, Parks and Recreation, Silicon Valley, Transparent, Unbreakable Kimmy Schmidt, Veep. Senza dubbio la favorita è la serie firmata Amazon, ma nonostante le molte voci contrarie qui si continua a tifare per Modern Family. Non riusciamo a spiegarci Veep, ma la cosa peggiore è l’assenza di The Big Bang Theory (che è sempre la comedy con gli ascolti praticamente più alti della storia). Non supera il vaglio dell’Academy nemmeno Jane The Virgin: la vittoria a sorpresa ai Golden Globes non è bastata per fare il grande passo e gli Emmy restano solo un miraggio; giustamente, a nostro avviso.

emmy_comedy

LEAD ACTOR IN A COMEDY: Anthony Anderson (Black-ish), Louis C.K. (Louie), Don Cheadle (House of Lies), Will Forte (Last Man on Earth), Matt LeBlanc (Episodes), William H. Macy (Shameless), Jeffrey Tambor (Transparent). Tambor e Forte sono le principali novità, ma nonostante questo ci sembra una categoria poco convincente: dove diavolo è Jim Parsons (The Big Bang Theory)??

LEAD ACTRESS IN A COMEDY: Edie Falco (Nurse Jackie), Lisa Kudrow (The Comeback), Julia Louis-Dreyfus (Veep), Amy Poehler (Parks and Recreation), Amy Schumer (Inside Amy Schumer), Lily Tomlin (Grace and Frankie). Potrebbe essere la volta buona per Amy Poehler, considerando il tanto atteso successo ai Golden Globes, ma di recente sembra che nessuna possa competere con Amy Schumer. Mancano, invece, Melissa McCarthy (Mike & Molly) e Lena Dunham (Girls).

SUPPORTING ACTOR IN A COMEDY: Andre Braugher (Brooklyn Nine-Nine), Adam Driver (Girls), Keegan-Michael Key (Key & Peele), Ty Burrell (Modern Family), Tituss Burgess (Unbreakable Kimmy Schmidt), Tony Hale (Veep). Sarebbe stato strano fare posto a due pilastri della categoria come Eric Stonestreet e Jesse Tyler Ferguson (Modern Family)?

SUPPORTING ACTRESS IN A COMEDY: Niecy Nash (Getting On), Julie Bowen (Modern Family), Allison Janney (Mom), Kate McKinnon (Saturday Night Live), Mayim Bialik (The Big Bang Theory), Gaby Hoffmann (Transparent), Jane Krakowski (Unbreakable Kimmy Schmidt), Anna Chlumsky (Veep). Praticamente nessuna novità rispetto al 2014, ma come l’anno scorso sentiamo la mancanza di Sofia Vergara. Perlomeno Mayim Bialik è la conferma che si ricordano dell’esistenza di The Big Bang Theory.

emmy_actors_comedy

OUTSTANDING LIMITED SERIES: American Crime, American Horror Story: Freak Show, The Honorable Woman, Olive Kitteridge, Wolf Hall.

LEAD ACTRESS IN A LIMITED SERIES OR MOVIE: Felicity Huffman (American Crime), Jessica Lange (American Horror Story: Freak Show), Queen Latifah (Bessie), Maggie Gyllenhaal (The Honorable Woman), Frances McDormand (Olive Kitteridge), Emma Thompson (Sweeney Todd). La vittoria del Golden Globe darebbe per favorita Maggie Gyllenhaal, però l’Emmy sarebbe il modo migliore per salutare Jessica Lange dopo l’addio ad American Horror Story!

LEAD ACTOR IN A LIMITED SERIES OR MOVIE: Timothy Hutton (American Crime), Ricky Gervais (Derek Special), Adrien Brody (Houdini), David Oyelowo (Nightingale), Richard Jenkins (Olive Kitteridge), Mark Rylance (Wolf Hall).

emmy_miniserie

SUPPORTING ACTRESS IN A LIMITED SERIES OR MOVIE: Regina King (American Crime), Sarah Paulson (American Horror Story: Freak Show), Angela Bassett (American Horror Story: Freak Show), Kathy Bates (American Horror Story: Freak Show), Mo’Nique (Bessie), Zoe Kazan (Olive Kitteridge). La quarta stagione dello show di Ryan Murphy domina la categoria con ben tre nominate; sarà la volta buona per Sarah Paulson?

SUPPORTING ACTOR IN A LIMITED SERIES OR MOVIE: Richard Cabral (American Crime), Denis O’Hare (American Horror Story: Freak Show), Finn Wittrock (American Horror Story: Freak Show), Michael Kenneth Williams (Bessie), Bill Murray (Olive Kitteridge), Damian Lewis (Wolf Hall). Dopo Homeland Damian Lewis riguadagna una nomination, ma quella per cui ci rallegriamo di più è quella di Finn Wittrock, riuscirà Dandy a conquistare il centro del palco?

E per chi fosse interessato, di seguito trovate l’elenco delle nominations in tutte le altre categorie.

GUEST ACTOR IN A DRAMA: Alan Alda (The Blacklist), Michael J Fox (The Good Wife), F. Murray Abraham (Homeland), Reg E. Cathey (House of Cards), Beau Bridges (Masters of Sex), Pablo Schreiber (Orange Is the New Black).

GUEST ACTRESS IN A DRAMA: Diana Rigg (Game of Thrones), Rachel Brosnahan (House of Cards), Cicely Tyson (How To Get Away With Murder), Allison Janney (Masters of Sex), Khandi Alexander (Scandal), Margo Martindale (The Americans).

GUEST ACTOR IN A COMEDY: Mel Brooks (The Comedians), Paul Giamatti (Inside Amy Schumer), Bill Hader (Saturday Night Live), Louis C.K. (Saturday Night Live), Bradley Whitford (Transparent), Jon Hamm (Unbreakable Kimmy Schmidt).

GUEST ACTRESS IN A COMEDY: Gaby Hoffmann (Girls), Pamela Adlon (Louie), Elizabeth Banks (Modern Family), Joan Cusack (Shameless), Christine Baranski (The Big Bang Theory), Tina Fey (Unbreakable Kimmy Schmidt).

OUSTANDING TV MOVIE: Agatha Christie’s Poirot — Curtain: Poirot’s Last Case, Bessie, Grace of Monaco, Hello Ladies: The Movie, Killing Jesus, Nightingale.

Quest’anno l’attesa per scoprire i vincitori sarà un po’ più lunga, e considerando le nominations non particolarmente avvincenti non ci resta che sperare in una bella serata di televisione, condotta per la prima volta da Andy Samberg (Brooklyn Nine-Nine, Saturday Night Live). Voi che ne pensate? Vi aspettavate qualcosa di diverso? Ditecelo nei commenti!

[Potete trovare questo post anche dalle nostre affiliate Nikolaj Coster-Waldau Italia, Kit Harington& Richard Madden Italian Page, Jorah Mormont Italia e Casa Stark – L’inverno sta arrivando]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Un pensiero su “Emmy nominations 2015: gli esclusi e le sorprese

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *