Grey’s Anatomy – 10×17 Do You Know? – by S.

Schermata 2014-03-30 alle 23.50.13

Questo episodio di Grey’s Anatomy è l’ideale per chi intende annientare qualsiasi traccia di ottimismo, perdere ogni tipo di speranza nel futuro e abbandonare la voglia di vivere. Uno spasso, praticamente. Ma nonostante la disarmante sensazione di tristezza generale, è un episodio bellissimo.

L’aspetto principale è la presa di coscienza di Cristina in merito alla sua relazione con Owen: è ormai chiaro che, qualsiasi strada decidano di percorrere, non potranno mai più essere felici insieme; per il loro bene, devono stare lontani l’una dall’altro. Come temevo, infatti, il loro Grande Problema non è in alcun modo risolvibile senza compromettere la felicità e la soddisfazione personale di uno di loro due. Come dice la stessa Cristina, “peolpe who want kids don’t just stop wanting them” e lo stesso vale per chi non ne vuole. In particolare, l’episodio ha raccontato, con la grande sensibilità tipica della serie, la difficile situazione delle donne che non desiderano avere figli. Per quanto grande sia l’amore per il partner, è una scelta troppo grande per essere subita in nome della sua felicità, non farebbe che causare tristezza. Cristina dimostra grandissima forza d’animo e ancora più grande coraggio nel non cedere, nel non accettare di scendere a compromessi, cosa che la rende una bandiera del femminismo e simbolo dell’autonomia ed indipendenza che a tante donne è ancora preclusa. Inoltre, la scelta di avere figli o di non lavorare per occuparsi di loro ha la stessa dignità e lo stesso valore di quella opposta, ma spesso si dimenticano i sacrifici e le rinunce che chi prende questa decisione deve affrontare: Cristina perde ciò che ha di più caro in assoluto. Ma la lezione che Cristina impartisce a tutti noi, per dirla come lei l’ha detta ad Owen, è “don’t give up things for me“: non è giusto rinunciare ai propri desideri ed alle proprie aspirazioni, annientare un’importante parte di se stessi, per accontentare qualcun altro, per quanto importante questo qualcuno possa essere.

L’episodio ha segnato l’inizio dell’arco conclusivo della storyline di Cristina Yang al Grey Sloan Memorial Hospital, introducendo in modo più chiaro quelle che saranno le ragioni del suo allontanamento. Considerando la suddetta presa di coscienza e l’annunciato ritorno di Burke, si fa sempre più probabile che i due riprendano la loro storia d’amore da dove l’avevano lasciata; del resto, come dice R, la co-autrice del blog, Burke ha sì lasciato Cristina all’altare, ma l’ha lasciata perché pensava che lei non fosse ancora pronta per il matrimonio, e sopratutto con Burke il Grande Problema Figli non si è mai posto: lui non la costringerebbe a scegliere tra la famiglia e la carriera. “Do you know who you are?” è la domanda ricorrente dell’episodio, e, a questo punto, forse è solo con Burke che Cristina potrebbe davvero essere se stessa.

All’importante tema affrontato si aggiunge la solita splendida interpretazione di Sandra Oh, purtroppo mai abbastanza encomiata per le sue doti (come dimenticare la vittoria agli Emmy di Katherine Heigl nel 2007, quando erano entrambe nominate?). Sono anche sicura che il resto della stagione riserverà molto altro spazio al personaggio di Cristina, perché possa dire addio a Seattle nel modo migliore per gli spettatori e per gli stessi personaggi: tante sono le critiche (a volte infondate) mosse a Grey’s Anatomy, ma poche serie mostrano lo stesso affetto verso le storie dei propri protagonisti (a parte quelli che non se lo meritano, tipo Katherine Heigl L’Ingrata); questa riflessione mi fa pensare che probabilmente “valli di lacrime” sarà l’espressione più adatta per l’episodio finale, ma ormai con Shonda abbiamo imparato ad essere pronti a tutto.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *