Grey’s Anatomy 10×18 – You Be Illin’ – by S.

alex-e-jo-in-grey-s-anatomy-10x18

Un episodio deludente questo, che risente della mancanza di una storyline corale che sia davvero coinvolgente per l’intero cast. Tolti matrimoni con sorpresa ed altri pochi eventi riguardanti singoli personaggi, infatti, succede poco di importante in questa stagione in cui la trama generale sembra trascinarsi più che progredire. E di certo non migliora con l’idea del virus influenzale che fa vomitare tutti (seriously?).

L’unico evento degno di nota riguarda Alex, che si sta facendo affascinare dal mondo della sanità privata o, meglio, dalle possibilità di guadagno della sanità privata (e come dargli torto?); a parte questo, di Alex si nota soltanto che sia ingrassato moltissimo, nemmeno la gravidanza di Meredith era così evidente! Jo è sempre meravigliosa, ha guadagnato altri punti nella mia personale classifica dei personaggi dopo aver ammesso candidamente che, in effetti, quando si arrabbia diventa un tantino violenta: “I don’t trust myself”, epica! Una menzione anche per Callie che le fa notare “sweetie, you’re dating Alex Karev, you’ll always have a reason to be angry”, una grande verità. Ma queste battute lampo, insieme a quelle tra Meredith e Derek, quelle sul dottore che ricostruisce l’ano (…) e quelle sui superpoteri di Arizona sono tutto il contenuto della puntata, evidentemente piuttosto scarno.

Abbiamo avuto la puntata Cristina-centrica e ora quest’altra assolutamente insignificante, ci si augura che dalla prossima settimana prenda piede l’effettiva storyline che occuperà l’arco conclusivo della stagione (sempre ammettendo che ci sarà una vera trama nel resto della stagione!). In particolare, come si diceva poco sopra, ci vorrebbe qualcosa che coinvolgesse contemporaneamente più personaggi, o anche il Grey Sloan Memorial Hospital come entità a sè, come ulteriore protagonista della serie (nella nona stagione ha funzionato piuttosto bene). Anche perchè sicuramente molto dello spazio solitamente dedicato ai singoli sarà, giustamente, riservato a Cristina (e Burke), ma è ovvio che non può essere solo questa storia ad essere raccontata. Ho già più volte sottolineato il declassamento subito dai personaggi di Meredith e Derek, che si fa sempre più evidente adesso che anche per gli altri protagonisti c’è poco o nulla da dire. Come per tutti gli show con un ampi cast, la varietà e l’intrecciarsi delle storie è, al tempo stesso, un presupposto indefettibile ed anche un punto di forza: dieci stagioni incentrate unicamente sulla storia d’amore dei due protagonisti sarebbero state, ovviamente, insostenibili. Ora, invece, sembra che si stia facendo un po’ sentire la stanchezza, avvenimento anche fisiologico da un certo punto di vista, ma resto positiva per il futuro: se Shonda si è risollevata dalla stagione nera (la sesta), di sicuro saprà porre rimedio ad un paio di episodi un po’ sottotono.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *