Anatomía de Grey – 10×22 We Are Never Ever Getting Back Together – por S.

Schermata 2014-05-04 alle 17.42.26

E finalmente, Burke is back (dopo che Isaiah Washington ha debitamente espiato i suoi peccati). Lui e Cristina riprendono esattamente da dove si erano lasciati, a saber, come precisa lei, "me in a white dress and you fleeing the state".

Dopo sette anni di attesa Cristina ha l’occasione di confrontarsi con Burke, e quel solo “NO!” contiene tutta la sua rabbia e il suo rancore; da vera signora quale è, non lo insulta nè lo aggredisce, ma si limita ad affermare con fierezza che la sua vita è migliorata anche per merito del torto che lui le ha fatto. Quando Cristina gli parla, anche grazie alla perfetta interpretazione di Sandra Oh, la sensazione è che quei sette anni non siano mai passati, perchè nella sua mente, come in quella dei fan, le azioni di Burke non sono certo state dimenticate. En Efecto, a simboleggiare questa continuità, la musica che accompagna la scena è “Like a Virgin” di Madonna, proprio la canzone che, in un’altra memorabile scena (episodio 4×14), Cristina cantò dopo aver saputo che Burke aveva vinto l’Harper Avery Award (non meritandolo del tutto: “I was his hands”, precisò lei).

Da quando è stata annunciata, la notizia del ritorno di Preston nella vita di Cristina ha causato infinite speculazioni, ma quasi all’unanimità si pensava (e talvolta anche sperava) che i due avrebbero finito per tornare insieme. Niente di più sbagliato, a quanto pare e come lasciava presagire il titolo dell’episodio. Le dichiarazioni di Burke sulla sua vita privata perfetta e felice lasciano trasparire, nemmeno troppo velatamente, una certa insoddisfazione: se potesse ignorarne le conseguenze, cederebbe la stabilità che gli dà la moglie ex chirurgo (guarda caso, lo stesso futuro che prevedeva la Emma di Owen) in cambio anche di un solo giorno in cui poter amare Cristina in quel “consuming way” di tanti anni fa. Eppure lui resiste, pur ammettendo candidamente che non sarebbe in grado di farlo a lungo.

E una volta chiarita la questione sulla presenza di Burke alla clinica di Zurigo, anche lo spettatore non può che concordare con Cristina: “Everything I have ever wanted is here” dice, ed è anche quello di cui ha bisogno dopo aver perso l’Harper Avery. Con la maestria narrativa che la contraddistingue, Shonda Rhimes ci guida attraverso le riflessioni di Cristina, non ci fa sentire solo spettatori ma ci fa sentire personaggi, in modo che, alla fine, non possiamo che essere d’accordo con le conclusioni a cui giunge. Questa è sempre stata l’arma segreta di Grey’s Anatomy, in tutte le situazioni: persino nei momenti più odiosi (per esempio il tradimento di Arizona con la guest star Hilarie Burton), non ci lascia semplicemente giudicare dall’esterno, prima ci fa sempre capire il punto di vista di tutti e il perchè di ogni azione, c’è sempre un perchè (dopo possiamo giudicare, e infatti per quanto mi riguarda Arizona non sarà mai perdonata).

Un po’ sbrigativa la soluzione della crisi matrimoniale dei Japril: per quanto siano romantiche le parole di lui, il tema era molto interessante e decisamente più complesso, ma è anche giusto che si godano il momento di felicità per l’inaspettata gravidanza; almeno su quello, en efecto, sono d’accordo, per i problemi ci sarà tempo più avanti.
Diversamente da come avevo previsto, Amelia è rimasta a Seattle e Derek le propone anche un trasferimento definitivo; prima di prenderla in simpatia, pero, la mia co-autrice R. ci invita a non trascurare i precedenti del personaggio: en efecto, è in parte sua la colpa del mancato riavvicinamento tra Mark e Lexie (episodio 7×03), che hanno così perso l’occasione di essere felici insieme, considerando le loro tragiche morti poco tempo dopo.

A soli due episodi dalla fine non ci sono più dubbi sulla strada che intraprenderà Cristina, e con le altre storyline a fare meramente da sfondo alla sua, non ci resta che prendere i fazzoletti e prepararci ad affrontare il suo “emotional goodbye”.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

7 thoughts on “Anatomía de Grey – 10×22 We Are Never Ever Getting Back Together – por S.

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *