Grey’s Anatomy – 10×24 Fear (Of The Unknown) (Season Finale) – by S.

Schermata 2014-05-18 alle 01.37.49

Sapere con parecchi mesi di anticipo che avremmo dovuto dire addio a Cristina Yang ha contribuito a rendere questo finale di stagione particolarmente emozionante, grazie all’hype che si era creata in vista del grande momento.

Come in ogni finale di Grey’s Anatomy che si rispetti, anche quest’anno c’è stato un evento tragico e catastrofico, perchè un po’ di casino contribuisce a rendere le cose più divertenti. Ed una volta chiarito che non c’era nessun attacco terroristico, una volta abbassata la guardia, ecco che arriva la vera bomba: la dottoressa Maggie Pierce. Il parente a sorpresa è un trucco che Shonda ama molto, utile per dare nuova linfa alle trame (Beautiful insegna), e che in passato ha anche funzionato parecchio bene: sia Addison che Lexie sono state introdotte in questo modo, e le loro storyline si sono gradualmente sviluppate fino a renderle personaggi autonomi, non più “la moglie di” e “la sorella di”. Bisogna dire che Meredith ha già affrontato una volta, con Lexie appunto, tutta la questione della sorella che non sapeva di avere, elemento che alza notevolmente il rischio ripetizione; tuttavia, c’è un importante elemento di novità, ossia la paternità di Webber, personaggio che nella prossima stagione avrà sicuramente molta più rilevanza. Nonostante questo sono abbastanza preoccupata per questa new entry: una sorella Grey c’è già stata, e non sarebbe giusto nei confronti di Lexie rimpiazzarla, seppure indirettamente; è vero che Maggie non porta lo stesso cognome, ma non si può nemmeno negare l’importanza del fatto che, a differenza della precedente Little Grey, Maggie e Meredith siano figlie della stessa madre, la donna da cui tutto ha avuto inizio. Mi lascia parecchio perplessa anche il fatto che Maggie Pierce abbia scoperto chi sia sua madre ma non si sia minimamente interessata al padre, o che non abbia cercato di rintracciare la sorella, ma sicuramente ci sarà tempo più avanti per affrontare tutti questi aspetti (non mi spiego nemmeno come sia possibile che nessuno sapesse di quest’altra gravidanza di Ellis, ma tant’è).

La storyline di Cristina si chiude perfettamente (insieme a quella di Ross, come aveva previsto la mia co-autrice R.), con la giusta dose di lacrime e risate (nel mio caso sono state contemporanee). Shonda ha fatto un ottimo lavoro nel dare un senso all’uscita di scena di Cristina: non è stata improvvisa, non è stato un evento privo di spiegazioni ma, anzi, come fa notare Meredith: “there’s no end point”, non è una fine, soltanto un nuovo capitolo. Non abbiamo assistito ai saluti tra Cristina e tutto il personale dell’ospedale, ma del resto non erano necessari: contavano solo quelli agli altri originals del cast. Toccante anche se rapidissima la scena con Owen (che, come ha spiegato Sandra Oh in un tweet, è stata l’ultima scena che ha girato, l’ultimo giorno di riprese), ma ancor più importante, ovviamente, è stato l’addio a Meredith. Le due twisted sisters si sono salutate, si può dire, in due fasi, ed entrambi i momenti sono stati esattamente quello che ci si aspettava da loro. Nel primo, le parole che Meredith pronuncia facendo salire Cristina sul taxi riassumono perfettamente la loro amicizia: “What do you need, an I love you or something? I love you”). Nel secondo momento, dopo l’ultimo “you’re my person”, fanno quello fanno di solito: they dance it out, in una bellissima scena dal sapore dolce amaro.

Schermata 2014-05-18 alle 01.43.22

Per quanto riguarda Alex, tutto ciò che fa in questa puntata conferma che lavorare alla clinica privata non era proprio il suo più grande desiderio: l’ha fatto solo per i soldi, spinto da Jo, ma come ha precisato lui stesso pochi episodi fa “money was never the point”. Per fortuna Cristina lo conosce meglio di quanto lui conosca se stesso e si prende cura di lui: lo insulta per aiutarlo a rendersi conto delle realtà e spiana la strada per il suo ritorno al Grey Sloan Memorial; la presenza di Alex nel consiglio di amministrazione sicuramente non farà felice la Bailey, che ancora una volta si ritrova come superiore uno dei suoi allievi.

Cristina svolge anche un altro importantissimo ruolo: salutando Meredith le consiglia di non lasciarsi tarpare le ali dall’ambizione di Derek: “he’s very dreamy, but he’s not the sun: you are”. Sono contenta che Meredith abbia seguito questa strada e deciso di non andare a Washington, del resto Derek le aveva promesso di farsi da parte per lasciare che anche lei facesse carriera. Una promessa è tale se viene mantenuta anche a costo di perdere qualcosa di importante, e il punto è proprio questo: il motivo per cui si promette dovrebbe essere ancora più importante. Meredith fa anche riferimento al fatto che la storia della sua famiglia è a Seattle, persino l’ospedale porta il nome suo e di sua madre (cosa che rimanda a quanto ho detto su Maggie ed il suo cognome, che non è Grey): la serie si chiamerà Grey’s Anatomy per un motivo, non è Shepherd’s Anatomy: she’s the sun.

Gli Shepherd si stanno comunque espandendo a Seattle: adesso Amelia ha il suo soprannome ufficiale, cosa che sembra indicare che la sua permanenza, come previsto, si prolungherà. Nel frattempo, sullo sfondo vediamo April, che fa pace con Mama Avery, Leah che cerca una nuova strada (l’infermiera?), e Callie & Arizona che decidono di avere il secondo figlio con una madre surrogata: nessun evento rilevante per alcun personaggio, ma lo spazio andava giustamente dedicato ad altri.

Con questi ultimi quarantatrè minuti è giunto al termine il nostro viaggio al fianco di Cristina Yang, senza ombra di dubbio uno dei migliori personaggi nella storia della televisione: geniale e genialmente sarcastica, una donna determinata e che non scende a compromessi, un’amica che nel corso di dieci anni ci ha insegnato molte cose. Soprattutto, ci ha insegnato ad essere onesti con noi stessi: tradire se stessi può essere la scelta più facile, ma non è mai quella giusta. Anche grazie a lei, quando ci troveremo ad un bivio, sapremo essere forti e sapremo qual è la via da seguire. E mentre Cristina, messa finalmente da parte la paura del futuro, abbraccia ciò che quel futuro ha da offrirle, le diciamo addio e facciamo ciò che si fa in questi casi: we dance it out.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Un pensiero su “Grey’s Anatomy – 10×24 Fear (Of The Unknown) (Season Finale) – by S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *