Grey’s Anatomy – 12×08 Things We Lost In The Fire (Winter Finale) – Recensione by S.

grey's_anatomy_12x08_Amelia_Riggs_bar

Shonda Rhimes ci aveva avvisati su Twitter, dicendo che ci sarebbe stato bisogno di un gruppo di supporto per i finali di stagione; e se l’attesa era alle stelle per quello di How To Get Away With Murder, bisogna dire che Grey’s Anatomy non è stato per niente da meno.

Affronterò subito l’argomento per me più spinoso: Amelia. Che piaga sei, Amelia. Qual è la funzione di questa donna oltre quella di esasperare le persone intorno a lei? Senza dimenticare l’immancabile fase finale dell’autocommiserazione, un tassello fondamentale per il completo sviluppo della sua personalità. L’equilibrio creatosi con Meredith (ma anche con Owen) era a dir poco precario, ed infatti ad ogni folata di vento riemergono i contrasti; questa volta, però, è stato superato il limite della tollerabilità umana. Amelia è convinta di avere chissà quale diritto di giudicare le vite altrui, ma soprattutto si ritiene autorizzata a forzare la sua presenza nelle vite altrui, anche quando non è richiesta e anche quando le si chiede espressamente di non farlo. Il colmo è la crisi di gelosia nei confronti di Cristina: ma davvero pensava che Meredith dovesse qualcosa a lei più che alla sua twisted sister? Dopo tutti questi anni dovrebbe essersi accorta che con Meredith non è mai scattata la scintilla: a legarle ora è solo il ricordo di Derek, di certo non può aspettarsi di essere una delle sue priorità. Fare l’offesa per essere stata tagliata fuori dalla vicenda di Owen è solo l’ennesima dimostrazione di quanto sia egoista e capricciosa: prima di tutto dovrebbe tenere presente che la sua relazione con Owen è ancora in una fase non ben definita, non si capisce cosa siano né dove stiano andando, e se questo non bastasse le faccio notare che Meredith non è amica di Owen per fare un piacere a lei, il legame tra loro due e Cristina va ben oltre la sua presenza e soprattutto ben oltre le sue capacità di comprensione. Purtroppo Amelia non è in grado di affrontare questa dura realtà e pensa bene di ributtarsi nelle sue dipendenze, quindi purtroppo per noi avremo modo di conoscerla ancora meglio dopo la pausa invernale.

grey's_anatomy_12x08_Owen_Meredith

Causa scatenante della rottura tra Amelia e Meredith è stato, come dicevo, il mistero intorno a Owen e Riggs (che pur sapendo di essere odiato dall’intero ospedale fa di tutto per rendersi il più odioso possibile); dopo tanti gossip abbiamo ottenuto una parziale verità: si tratta di questioni di famiglia (anche se l’ipotesi piccante di Arizona era altrettanto valida). Resta da scoprire cosa sia successo a questa sorella, sicuramente niente di bello. Non pare ci sia nemmeno qualche possibilità di trovare punti d’incontro per ora, quindi prevedo per questa storyline un cammino lento e tortuoso. Bene, ci voleva qualche dramma in più!

grey's_anantomy_12x08_Jo_Alex_proposal

Tasto dolente anche per i miei beniamini, Alex e Jo: ho sempre pensato che lei fosse la ragazza giusta per lui e l’ho criticata quando, in passato, si era mostrata gelosa di Meredith senza nessun fondato motivo. Questa volta, però, Jo non ha tutti i torti: complice il fatto di sentirsi insoddisfatta e trascurata anche sul lavoro e dai colleghi (anche se finalmente Stephanie è tornata sui suoi passi), le critiche che muove ad Alex sono vere. Meredith l’ha trattata male più volte, e anche se c’è di mezzo un anello di fidanzamento lui non può restare indifferente, praticamente ignorandola e mettendola in secondo piano. Non ho dubbi sul fatto che lui non intendesse in alcun modo farla sentire così, ma forse l’ha data per scontata, che è l’errore più grande; lo dimostra quel suo “she’s the only one I can count on” riferito a Meredith. Lungi da me negare l’importanza della loro amicizia, soprattutto adesso che tutti gli altri del gruppo se ne sono andati, ma forse si è un tantino fatto prendere la mano e ha perso di vista le giuste priorità. La sua dichiarazione d’amore a Jo a fine episodio conferma la bontà delle sue intenzioni e, soprattutto, sembra che lui l’abbia davvero ascoltata e abbia capito quale sia il problema, ma a questo punto non dò per scontato che Jo accetti la proposta; di certo non ci sono l’atmosfera e lo spirito giusto per decidere di sposarsi.

grey's_anatomy_12x08_April_Jackson

Ultima crisi sentimentale è quella che si consuma tra April e Jackson: lei è un po’ infantile nel cercare di evitare l’argomento, ma effettivamente non è una cosa facile di cui parlare. Purtroppo i Japril sono ancora su pagine molto diverse, sembrano muoversi in direzioni opposte e la luce in fondo al tunnel, ammesso che ci sia, è ancora molto lontana. Se da un lato è giusto che una crisi così profonda ci metta del tempo per risolversi, senza affrettare i tempi solo per regalarci un lieto fine consolatorio, dall’altro lato mi auguro che non diventi un’epopea infinita come è stato per Callie e Arizona; credo che anche per loro non sia ancora detta l’ultima parola, ma quei continui tira e molla non hanno di certo aiutato.

Concludo con un’osservazione sulla colonna sonora di questa stagione: Grey’s Anatomy si è sempre distinta per le azzeccatissime scelte musicali, ma quest’anno si nota una piacevole preferenza per canzoni molto famose, ovviamente adattate e rivisitate. L’adolescente che è in me ha molto apprezzato “Oops I did it again” di Britney Spears due episodi fa e, questa settimana, “As long as you love me” dei Backstreet Boys: ascoltate in queste nuove versioni e abbinate a certe scene, regalano un’atmosfera prima impensabile. Ancora una volta, alla dodicesima stagione, Grey’s Anatomy non smette di stupire.

[Come sempre potete trovare la recensione anche dalla nostra affiliata Jessica Capshaw fan]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *