Grey’s Anatomy – 12×18 There’s A Fine, Fine Line e 12×19 It’s Alright, Ma (I’m Only Bleeding) – Recensione by S.

grey's_anatomy_12x18_ben_surgery

Dopo una settimana sottotono Grey’s Anatomy si riscatta completamente con questo doppio episodio carico di tensione e dramma (che novità!), un episodio destinato ad avere gravi conseguenze per alcuni personaggi.

Ricapitolando, il dottore Ben Warren ha eseguito un cesareo su una barella nel mezzo di un corridoio in cui si trovava bloccato, senza però accorgersi che, un attimo prima di eseguire il taglio, gli ascensori fossero rientrati in funzione e che avrebbe, quindi, potuto raggiungere una sala operatoria (e un chirurgo più esperto); ovviamente, sia madre che figlio muoiono poco dopo. Possiamo dire senza mezzi termini che Ben ha combinato un gran casino, e non è facile dispiacersi per lui. Se da un lato è sempre stato un buon medico e a Grey’s operazioni estreme non sono mai mancate, dall’altro lato è anche vero che già in passato lui si è trovato in situazioni simili; difficile pensare ad una coincidenza, più facile pensare ad una mania di protagonismo. E anche se i suoi superiori, alla fine, si convincono della sua buona fede e del fatto che fosse solo estremamente concentrato sulla paziente ignorando tutto il mondo intorno, Ben deve in un certo senso pagare il fatto di essere il marito del primario. La Bailey, oltre ad essere inflessibile e a non riuscire a capirlo e perdonarlo, sente anche il peso di una scelta politica: è vero che il consiglio formato da Meredith, Maggie e Owen ha scagionato Ben, ma se lei non lo punisse, considerando che entrambi i pazienti sono morti, ne risentirebbe la credibilità dell’ospedale. Ben viene quindi sospeso per sei mesi dal programma degli specializzandi, e nonostante tutte le buone intenzioni di tenere separati il lavoro e il matrimonio (come Stato e Chiesa), la crisi è già all’orizzonte: la Bailey è stata molto chiara, è delusa e non sa re riuscirà a perdonarlo, e per quanto lui la ami non è facile evitare il risentimento.

grey's_anatomy_12x19_april_jackson_baby_kick

Piccoli miglioramenti si vedono, invece, sul fronte April – Jackson: ovviamente li dobbiamo tutti a lui, dato che lei sa dolo dare sfogo alla sua isteria. Sebbene fosse frutto di un malinteso, dall’ordine restrittivo non si torna indietro e la situazione è ormai definitivamente compromessa, ma Jackson per l’ennesima volta da prova di grande maturità, decidendo di rendere onore all’affetto e all’amicizia che un tempo li legava. “You were my favorite person”, e questa è forse la cosa più triste che si siano detti in queste settimane: più degli insulti, delle minacce e della cattiveria, il dolore viene dalla consapevolezza di aver perso quel rapporto speciale e bellissimo. Speriamo che sia il primo passo di un lungo percorso di riavvicinamento, non per forza in senso romantico ma anche solo come due persone adulte che stanno per diventare genitori.

grey's_anatomy_12x19_arizona_custody

Nota negativa il triangolo Arizona – Penny – Callie: è Penny quella che sta subendo tutte le critiche dei fan, ma onestamente tra tutte è l’unica con un po’ di cervello. Aveva ragione lei all’inizio quando non ha nemmeno considerato che Callie si potesse trasferire con lei a New York perché la sua vita è a Seattle, è stata invece Callie ad insistere in quella direzione. E così facendo Callie fa la figura della stupida, come sempre si butta nelle cose a capofitto senza considerare le conseguenze, senza considerare le altre persone coinvolte; come fa a prendere una decisione simile con tale leggerezza? È peggio che sposare George! Per di più, la sua relazione con Penny non è mai stata presentata come il grande amore della sua vita, anzi, è stata raccontata pochissimo, quindi per gli spettatori è davvero difficile seguire la logica di questa decisione. Anche Arizona, però, ci mette del suo: capisco il suo punto di vista, capisco tutto, ma perché non si parlano prima? Sembra che April abbia causato un’epidemia, cos’è questa mania della corsa agli avvocati? Parlatevi, ragazzi, parlatevi, eventualmente litigate dopo! A parte queste considerazioni, questo è certamente un punto di svolta per le Calzona: l’happy ending è ancora molto lontano, ma siamo ad un punto che cambierà le carte in tavola e rimetterà tutto in discussione, e chissà come usciranno da questo caos; potrebbero essere a pezzi o più unite di prima, in ogni caso sarà una nuova fase dopo lo stallo e la calma apparente di questo periodo.

Negli anni Grey’s ci ha insegnato tante cose, una di quelle più importanti è che anche quando le cose sembrano andare male, anche quando qualche episodio lascia perplessi c’è sempre una sorpresa in serbo: la penna di Shonda non delude mai sul lungo periodo, e questo doppio episodio ne è la conferma: cliffhanger, storyline drammatiche ma coinvolgenti, twist inaspettati: cosa chiedere di più?

Voto all’episodio: ♥♥♥♥ OMG

[Come sempre potete trovare questo post dalle nostre affiliate Jessica Capshaw fan e We Love Alex Karev]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *