Grey’s Anatomy – 13×01 Undo (Season Premiere) – Recensione by S.

greys_anatomy_13x01_alex_jo_fight

C’è una cosa positiva nell’avere la prima influenza già al 22 settembre: non andare al lavoro e poter guardare il prima possibile la première di Grey’s Anatomy. Un’apertura di stagione che non delude, anzi, la trama va forse oltre quello che ci si era immaginati, e forse non ero pronta: ma perchè dopo 13 anni mi aspetto ancora di uscire emotivamente indenne da una puntata di Grey’s?

La nuova stagione riprende esattamente da dove si era conclusa la precedente, con il matrimonio lampo di Amelia ed Owen e Alex che riempie di botte il povero DeLuca, ma dopo 40 minuti si fa a finire molto molto lontani da quelli che sono gli ambienti tipici e familiari del Grey Sloan Memorial. Sebbene Meredith cerchi di tenere il segreto di Alex per qualche ora e Jo eviti in ogni modo di dare spiegazioni, alla fine la verità viene a galla, e con DeLuca in condizioni critiche per Karev si mette davvero male.

greys_anatomy_13x01_alex_arrested

Nelle ultime stagioni, le ultime due più o meno, i fan di Alex erano rimasti un po’ delusi dal trattamento riservato al suo personaggio: pochi e sporadici momenti di gloria mentre in primo piano si svolgevano le storie di altri protagonisti; non credo che 15 anni di carcere fossero esattamente il cambio di programma che suddetti fan avessero in mente, ma questo passa il convento. Insomma, per ora abbiamo Alex che viene portato via in manette sotto gli occhi di tutti e quindi rinchiuso in cella, con la prospettiva di restarci per molto tempo e dire addio alla sua carriera di chirurgo. In molti parlano, sin dal finale di maggio in realtà, di una regressione del personaggio, come se questo gesto un tantino avventato annullasse tutti i progressi fatti negli anni; di certo non è un avvenimento positivo, però non mi sento di essere così categorica con il povero Alex. Ha detto bene Meredith, una bruttissima e una bella persona convivono dentro di lui, deve solo continuare a lottare per fare, ogni volta, la scelta giusta; chiaramente non l’ha fatto quando ha pestato DeLuca, però l’ha fatto quando si è costituito invece di scappare, affrontando le conseguenze delle sue azioni come ci si aspetta da un adulto.

greys_anatomy_13x01_jo_alex_arrested

Purtroppo la carriera non è la sola cosa nella vita di Alex ad essere in grave crisi: la sua relazione con Jo ha davvero toccato il punto più basso, quello che sembra a tutti gli effetti un punto di non ritorno. Non basta chiarire che con Andrew non è successo niente e che era solo un malinteso, qui si è andati molto oltre; Alex ancora non sa la verità nascosta sul passato di Jo, ma non sembra nemmeno intenzionato a volerla conoscere; non voglio dare la colpa a lei, le cose sono scappate di mano a entrambi, ma ora che lui rischia di perdere tutto è davvero difficile che riesca a capirla e perdonarla o, anche se ci riuscisse, che riescano comunque a superare l’accaduto; è una di quelle tragedie che non possono unire ma solo dividere.

greys_anantomy_13x01_april_harriett

Un po’ di positività viene, incredibilmente, dal April e Jackson: pur avendo appena rischiato di morire, April mette subito le cose in chiaro con la suocera, ed è evidente dalla prima scena che non intende sottostare ai capricci e alle prepotenze di nessuno. Harriett è la sua bambina, e lo fa capire a tutti con quella determinazione che solo la Kepner può avere; non sarà facile per lei e Jackson imparare a fare i genitori senza essere più una coppia, ma dopo gli avvenimenti della scorsa stagione è un miracolo averli visti nella stessa stanza per più di dieci secondi senza litigare o disperarsi.

Si profila un’altra storyline, o meglio, si profilano problemi per il rapporto tra Maggie e Meredith: credo che la Pierce se la sia presa un po’ troppo per il segreto tenuto da Meredith (cosa si aspettava, che tradisse Alex?), ma quel confronto serviva solo a spianare la strada per un conflitto più ampio, quello tra le due sorelle e Riggs, ignaro di tutto; per ora Meredith ha mantenuto la promessa e ha preso le distanze, ma c’è da scommettere che la cosa non durerà a lungo.

Con la regia ormai frequente di Debbie Allen, Grey’s Anatomy ci riporta nel suo mondo, che tanto ci è mancato e che appare subito familiare, come quando si torna a casa dopo un lungo viaggio; a differenza di altri anni, l’inizio è stato in medias res, senza troppi preamboli, ma del resto non ce n’era bisogno: dopo tanti anni ormai i finali di stagione ci restano impressi nella psiche per mesi a venire, siamo abituati a prepararci al peggio!

Voto all’episodio: ♥♥♥♥ OMG

[Anche quest’anno potete trovare le nostre recensioni dalle affiliate Jessica Capshaw fan e We Love Alex Karev, a cui diamo un caloroso “bentornate”!]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *