Grey’s Anatomy 13×17 – ‘Till I Hear It from You – Recensione by S.

Un altro bell’episodio per una serie che sembra non perdere mai il suo smalto: dopo tredici anni di messa in onda non è da tutti tenerci ancora incollati allo schermo, eppure Grey’s riesce sempre a farlo con naturalezza.

Una delle chiavi per riuscire in quest’impresa è creare dei personaggi credibili, a cui il pubblico riesca ad affezionarsi, così che resti interessato alle loro vite anno dopo anno. Tratteggiare le mille sfumature della psiche umana, restando fedeli al carattere di ogni personaggio, è sempre stato il più grande pregio di Grey’s, e questo comprende anche raccontare i lati peggiori delle persone, nonché far sembrare i propri personaggi degli orribili esseri umani. E’ esattamente quello che è successo adesso con Amelia: c’era talmente tanta cattiveria nelle parole che ha rivolto ad Owen da farla passare automaticamente dalla parte del torto; per di più, era cattiveria gratuita, assolutamente fuori luogo e ingiustificata. Nessuno dice che la povera Amelia debba per forza volere dei figli o che marito e moglie non possano essere già una famiglia perfettamente felice, ma forse ci doveva pensare prima. È stata lei a far credere ad Owen di volere le stesse cose, di volere dei figli, di essere sicura di volerlo sposare, all’improvviso ha cambiato idea ed ha pure la faccia tosta di rimproverarlo perché si sente soffocata?! Ma in che mondo vive?! Pensa di poter sposare la gente e dopo poter fare quello che le pare senza rendere conto a nessuno? Non è altro che un’eterna adolescente in preda all’isteria, che incolpa sempre gli altri dei suoi problemi senza assumersi mai nessuna responsabilità. Non c’è bisogno che le sue fan si precipitino a difenderla a spada tratta: nessuna persona dotata di buon senso potrebbe mai perdonare quelle parole; una cosa è comprendere il suo doloroso passato e capire il perché delle sue scelte, un’altra cosa è permetterle di trattare la gente come stracci solo perché lei ha una storia triste alle spalle (breaking news: ce l’hanno tutti, soprattutto in Grey’s Anatomy).

Per fortuna il resto dell’episodio è stato dedicato a personaggi con un minimo di equilibrio mentale in più (compresi i due adorabili vecchietti). La storyline di Maggie e sua madre è molto triste e sembra destinata a proseguire su questa strada; per affrontare la malattia della madre, Maggie cercherà sostegno in Meredith e, probabilmente (stando a quanto dichiarato dal cast durante il PaleyFest), dover fare i conti con un avvenimento così grave come il rischio di perdere la madre la aiuterà a guardare il resto della sua vita sotto una prospettiva diversa. Nello specifico, la aiuterà a non dare troppo peso all’ormai inevitabile scoperta della relazione nascente tra Meredith e Nathan. Voglio dire, parliamo di quella dichiarazione d’amore! Dopo averci tenuto per mesi sulle spine, finalmente Meredith si è convinta; siamo tutti pronti a tifare per questa coppia (Merthan?), anche se immagino che le cose non andranno lisce come l’olio: ricordiamoci sempre che la storia è quella di Meredith, e per lei è la prima volta in cui prova a riprendere in mano la sua vita sentimentale dopo Derek, è ovvio che ci saranno imprevisti e problemi, ma rimango speranzosa.

C’è sempre la questione dell’eterna amicizia tra Meredith e Alex: da molto tempo tra i fan si rincorrono voci (positive e negative) su una possibile svolta sentimentale della coppia, e Shonda sembra averne preso atto ufficialmente in questo episodio con quell’ironico scambio di battute tra i due (“you’re hot”, dice Alex all’amica); ci sono effettivamente dei buoni motivi a sostegno di questa ipotesi (nessuno li capisce come si capiscono a vicenda, Riggs ricorda troppo Derek per essere l’uomo definitivo…) ma anche validi motivi per opporsi: basti pensare a quello che è successo con Izzie e George, per dirne una. Non credo di essere pronta per affrontare un simile cambiamento nelle dinamiche tra i personaggi, ma del resto non deve succedere adesso; Grey’s è riuscita a farci accettare cose che mai avremmo pensato, quindi se la stoyline fosse ben scritta e ben eseguita… insomma, mai dire mai, ma per adesso io sono tutta Team Nathan!

Voto all’episodio: ♥♥♥ – Siamo tutti d’accordo sul fatto che Amelia non possa permettersi di nominare Cristina, vero?

[Potete trovare questo post anche dalle nostre affiliate Jessica Capshaw fan e We Love Alex Karev]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *