Grey’s Anatomy – 13×20 In the Air Tonight – Recensione by S.

Dopo un discreto periodo in cui Grey’s ha rivolto la sua attenzione ad eventi più o meno normali della vita (pur secondo i suoi particolari parametri), lasciandosi alle spalle catastrofi naturali e sparatorie, questa settimana la serie ci ha sorpreso con un episodio al cardiopalma degno dei suoi momenti più epici.

La premessa di avere Meredith e Nathan insieme a bordo di un aereo sarebbe anche stata sufficiente per un buon episodio, ma perché limitarsi? E infatti, la prima cosa che sentiamo dire alla voce narrante di Meredith è “turbolenze“, e già da qui capiamo che le cose stanno per mettersi male. Le turbolenze non cominciano subito: c’è giusto il tempo perchè Mer e Nathan possano battibeccare un po’ e cedere agli istinti carnali nel comodo bagno dell’aereo. Dopodiché, si entra nel vivo: nel tempo di un minuto ecco polsi rotti, svenimenti e crisi respiratorie. A differenza dei passati episodi clou, però, questa volta non è messa in pericolo la vita di nessuno dei protagonisti, il che mi sembra un notevole passo avanti; possiamo concentrarci sulla sorte dei pazienti senza temere di dover affrontare un altro lutto, ma devo dire che nonostante questo la tensione si è fatta sentire: vedere l’aereo muoversi a scatti mentre Meredith infilava la siringa nel cranio di uno sconosciuto è stato molto intenso! Bisogna notare anche che, solitamente, le scene di questo tipo, quelle che ci fanno trattenere il respiro, durano pochi minuti all’interno di una cornice di oltre mezz’ora, mentre questa volta, dall’inizio alla fine, non c’è stato tempo di riprendere fiato, sono arrivata alla fine con le palpitazioni!

Ovviamente, vivere un’esperienza simile insieme a qualcun altro non può che far sorgere un particolare legame; la cosa è particolarmente probabile se le persone in questione si prendono e si mollano da mesi e se, piccolo particolare, hanno appena fatto sesso in un bagno (ma anche altrove). Meredith e Nathan si sostengono l’una con l’altro durante tutte le emergenze e, tra una crisi e l’altra, riescono a parlare molto apertamente della loro situazione e dei loro sentimenti: sembrava che le cose fossero arrivate ad un punto di svolta, anche se Meredith aveva rinviato la cena per stare vicina a Maggie si era comunque sbilanciata nei confronti del suo spasimante. Adesso invece sembra aver fatto un nuovo passo indietro, ma Riggs è un osso duro: la cosa ammirevole di lui è che non sta a supplicarla di dargli una possibilità, la prega di darla a se stessa; sa benissimo che il problema non è mostrarsi interessante ai suoi occhi, il problema è che Meredith ha paura. Lo conferma lei stessa quando, per difendersi dalle parole di Riggs, si rifugia dietro un “I’m married“; tra lei e Riggs c’è qualcosa (o, almeno, potrebbe esserci), se concedersi di andarci a letto poteva essere relativamente facile, concedersi una nuova storia d’amore è difficilissimo.

Non aiutano molto nella decisione anche i flashback di Derek: li vediamo prima, insieme a quelli degli altri superstiti all’incidente aereo, quando Meredith affronta la paura delle turbolenze per aiutare i passeggeri feriti; ma dopo, alla fine del volo, quando la tensione dell’emergenza si è ormai stemperata, tornano a colpire con più forza, con le immagini più significativa di Meredith e Derek, le immagini di quelle scene che ci hanno fatti innamorare. È normale (e molto dolce) che a Meredith vengano in mente queste parti del suo passato mentre Riggs le tende la mano per accompagnarla verso il futuro: si può dire che finora il suo cuore sia sempre appartenuto a Derek, dopo di lui non aveva mai nemmeno preso in considerazione l’idea di dover ricominciare con qualcun altro. Eppure, la vita è andata così, e quei ricordi di Derek (a differenza di quello che molti potrebbero pensare) non sono lì per frenarla, sono lì per incoraggiarla. Con Derek, Meredith ha imparato ad amare, è diventata meno dark&twisty nel momento in cui credeva che per lei non ci fosse più speranza; se ora chiudesse il suo cuore sarebbe come tornare indietro, non sarebbe un romantico sacrificio in nome di Derek, ma sarebbe come rinnegare tutto ciò che di buono ha conquistato grazie a lui. Meredith lo capisce e, con grande coraggio, accetta l’invito di Riggs.

La scena finale, con i due che si allontanano scambiandosi battutine ironiche, è molto dolce, fedele all’evoluzione del personaggio di Meredith; con quei flashback, è anche un omaggio a Derek e al ruolo cruciale e indimenticabile che ha avuto nella vita di Meredith, in quella della serie e in quella di tutti noi.

Voto all’episodio: ♥♥♥♥ – Spero di non dover prendere aerei a breve

[Potete trovare questo post anche dalle nostre affiliate Jessica Capshaw fan e We Love Alex Karev]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *