Grey’s Anatomy – 13×22 Leave It Inside – Recensione by S.

Mancano due episodi al season finale di Grey’s Anatomy e già in questo abbiamo potuto vedere i primi indizi delle storyline che vedremo culminare nel finale e, sicuramente, continuare a svilupparsi nella quattordicesima stagione.

Sappiamo già che il finale sarà “on fire“, che succederà qualcosa di grosso, ma per fortuna sembra che almeno sul fronte Meredith-Nathan si possa stare relativamente tranquilli: i melodrammi esistenziali di Maggie, fortunatamente, sono stati più o meno domati, così possiamo concentrarci sugli adorabili piccoli passi tipici di una coppia agli inizi della propria storia. Come sempre, il caso della settimana è un pretesto e, allo stesso tempo, uno spunto di riflessione per i protagonisti, che li porta a nuove realizzazioni; Meredith ha preso una decisione e non torna indietro, ha deciso di vivere la sua nuova vita; sebbene sia da tempo abituata alla riflessioni sulla morte e sul ricominciare, questa particolare fase è la prima anche per lei; dopo aver preso la decisione di abbracciare il futuro, infatti, bisogna passare ai fatti concreti, ed è qui che le cose si fanno più difficili. Derek sarà sempre il suo grande amore, ma di certo non può invitare Nathan in camera sua con il disegno del tumore sulla parete o con il post-it incorniciato sul comodino. Difficile abbracciare il futuro con il marito morto che ti osserva! Se mettere il post-it in un cassetto è stato doloroso per noi da guardare, figuriamoci quanto possa essere stato per lei farlo: eppure andava fatto, non per crudeltà o per dimenticare, ma perchè, come ho ripetuto infinite volte, lei non può morire con Derek e, come dice alla fine, a volte vale la pena rischiare.

C’è anche un’altra relazione che viene accennata dall’inizio della stagione e ancora deve entrare nel vivo, ossia quella tra Arizona e la Minnick; le due finalmente giocano a carte scoperte, ma questo corteggiamento infinito rischia di annoiare, spero che arrivino al dunque entro le prossime due settimane in modo che da settembre siano già una coppia ufficiale; la fase iniziale è durata fin troppo! Vero protagonista dell’episodio, però, è stato Alex: è maturato e migliorato negli anni, ma la sua natura impulsiva e appassionata è sempre la stessa; non commette più inutili colpi di testa, ma se bisogna rischiare la galera per salvare la vita a un bambino di certo non si tirerà indietro. Anche Stephanie ha avuto un suo ruolo nella vicenda, e la sua funzione principale è stata più che altro quella di dare di matto tirando un iPad verso l’imbecille padre del bambino (interpretato da Matthew Alan, noto ai fan più attenti per essere il fidanzato di Camilla Luddington). In realtà, per quanto riguarda Stephanie, questo caso, insieme alle osservazioni della Minnick sul suo comportamento in generale, è servito per dare il via alla storyline che, presumibilmente, porterà alla sua uscita di scena; sappiamo da tempo che Jerrika Hinton non sarà nella prossima stagione, ed è naturale che venga pensato per lei un addio degno della serie, mica un banale trasferimento.

L’altra novità che sembra destinata ad occupare le ore finali della stagione è quella telefonata di Alex all’avvocato: all’improvviso ha bisogno di un investigatore privato per “trovare una persona”. Non è difficile immaginare che si tratti dell’ex marito di Jo, anche se non mi è molto chiaro perchè gli sia venuto in mente proprio in questo momento (questa è forse l’unica pecca che trovo alla sceneggiatura dell’episodio, nel caso di Stephanie tutti i passaggi, dal caso clinico del momento alle sue vicende personali, sono molto più logici e naturali). Ma comunque, anche se l’idea gli è venuta un po’ a caso, Alex ha messo in moto qualcosa; potremmo sbagliarci sul marito di Jo, ma è una cosa che prima o poi dovrà essere affrontata, e quale migliore occasione di un season finale? Del resto dobbiamo ancora scoprire quale sia il misterioso ruolo della guest star Matthew Morrison (Glee), avvistato sul set di Grey’s qualche settimana fa e subito dato come probabile antagonista di Alex. E mentre Alex si prepara per salvare la donna che ancora ama, Jo fa l’unica cosa buona degli ultimi nove mesi: dare un bel due di picche a DeLuca. Dopo essere stato zitto finora, lui decide inspiegabilmente di dichiararsi, ma ormai il momento è passato; fosse successo mesi fa, avrei temuto che Jo cedesse al suo fascino da bravo ragazzo, ma lui non ha fatto niente, è rimasto lì imbambolato, e lei per fortuna ha archiviato ogni tentazione. Ciaone DeLuca, ciaone!

Qualunque sia la piega che prenderanno gli eventi, lo scopriremo molto a breve; ormai siamo davvero agli sgoccioli e, per l’ennesima volta, ci troviamo sulle spine ad aspettare le ultime ore dell’anno da trascorrere al Seattle Grace: riuscire a trasmettere questa sensazione agli spettatori dopo tredici lunghi anni è probabilmente il miglior traguardo che una serie possa raggiungere.

Voto all’episodio: ♥♥♥ – Se Meredith non sa dove metterlo mi offro per tenere il post-it in camera mia

[Potete trovare questo post anche dalle nostre affiliate Jessica Capshaw fan e We Love Alex Karev]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *