Grey’s Anatomy – 14×05 Danger Zone – Recensione by S.

Quattordici stagioni di messa in onda comportano necessariamente degli alti e bassi, momenti di splendore e momenti da dimenticare; abbiamo avuto l’adrenalina di Meredith che teneva una bomba dentro il torace di un paziente e l’inutilità di Izzie che rianimava un cervo. Ecco, questo episodio è stato inutile quanto quel cervo.

Non è che io sia per principio contraria agli addii improvvisi dei personaggi, del resto anche la morte di Derek fu completamente inaspettata e, nonostante le lacrime versate, ho riconosciuto un senso alla storyline e alla sua dipartita. Nonostante tifassi spudoratamente per Meredith e Riggs provavo simpatia per Megan e avrei compreso un riavvicinamento tra i due soldati se solo ci fosse stata una base logica, un punto di partenza, qualcosa di razionale; invece no, due settimane fa Riggs sembrava dilaniato dal dubbio su quale fosse la donna di cui era davvero innamorato, gettando le basi per un succoso triangolo sentimentale, e adesso da un momento all’altro si licenzia, compra una casa sulla spiaggia in California e si fa chiamare “papà” da un bambino che conosce da un quarto d’ora. Like, what??

Bellissima la narrazione, bellissimi i flashback per farci conoscere meglio una storia di cui in realtà avevamo sentito dire il minimo indispensabile, ma è proprio conoscere meglio il passato dei due personaggi a rendere ancora più fastidioso questo finale da Mulino Bianco. Tutti hanno sempre parlato di Megan come se fosse il grande amore di Riggs, come se fosse proprio “the one”, come se nessuno al mondo potesse immaginarli l’uno senza l’altra; invece adesso scopriamo che fino a dieci minuti prima che lei venisse rapita lui l’aveva tradita, era così maturo da pensare di rimediare con una semiseria proposta di matrimonio, lei l’aveva tradito a sua volta e si comportava in generale come una bambina capricciosa. Grande amore di cosa?? Dove?? Ma per favore!! Ha ragione chi dice che se fosse tornato Derek anche Meredith avrebbe fatto la stessa scelta ma, a parte il fatto che per lui questa possibilità proprio non si pone, adesso possiamo dire con cognizione di causa che lo scenario è completamente diverso. Meredith e Riggs hanno legato condividendo il dolore per la perdita del loro vero amore, ma solo Meredith è stata onesta; lei e Derek sì che erano una vera storia d’amore, pur con tutti i difetti e i problemi che hanno affrontato c’era sempre quell’indissolubile legame di base a tenerli uniti, era evidente a chiunque che fossero fatti per stare insieme; magari anche per Riggs e Megan sarebbe finita così, ma di certo non possono saperlo adesso! Con quelle basi solo un idiota si trasferirebbe a vivere nella casa dei sogni sulla spiaggia, sarebbe come se Meredith e Derek si fossero sposati alla terza stagione quando lei era ancora tutta dark & twisty, non sarebbe mai durata perchè non erano pronti: Nathan e la sua amata dovrebbero risolvere i loro problemi invece di passare direttamente all’happy ending che tanto vorrebbero, e questo loro capriccio mi sembra anche offensivo nei confronti delle coppie che invece hanno lottato anni per capire e costruire un rapporto nella giusta direzione. Tutti i bei discorsi di Megan sul cogliere il momento, sul perdonare gli errori perchè la vita è breve sono nobili e sicuramente validi, ma perdonare non significa cancellare tutto e fare finta di niente, per stare insieme (a maggior ragione per creare una famiglia con un bambino già di 10 anni!!) ci vuole maturità e serietà, bisogna capire perchè quegli errori erano stati commessi così da non ricadere nella trappola, non basta un poetico “life is too short” per risolvere tutto.

A Megan però si deve riconoscere un merito, un’unica grande buona azione che in parte ci ripaga dell’inutilità di tutto l’episodio: è l’unica che riesce ad inculcare un po’ di raziocinio nella dura testa di Owen. Dice bene la sorella, lui vive di idee e di ideali, fa una questione di onore di qualsiasi cosa e per principio non ammetterebbe mai che il suo matrimonio non funziona. Eppure è così, non può più negarlo, Megan lo costringe a guardare in faccia la cruda realtà: finalmente, dopo mesi di agonia, possiamo dire addio ad Amelia e Owen, la coppia più inutile e fastidiosa mai esistita. Dio esiste.

Un episodio che riesce ad essere deludente pur essendo impostato su toni positivi, di ottimismo, speranza e fiducia nel futuro; non recupera nemmeno con il “thank you” che Nathan e Meredith si scambiano, ormai è troppo tardi: storyline buttate alle ortiche sotto ogni punto di vista, e dire che erano anche quelle più promettenti della stagione.

Voto all’episodio: ♥♥ – #BringBackRiggs #TeamMeredith

[Potete trovare questo post anche dalle nostre affiliate Jessica Capshaw fan e We Love Alex Karev]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *