Anatomie de Grey 14×15 – Cicatrices anciennes, Futur cœur – Examen par S.

Cœurs brisés, coeurs blessés, coeurs qui souffrent, mais ils apprennent à faire face à la douleur et d’ouvrir de nouvelles amours: un objet en mille différentes sauces différentes séries de mille, mais aussi des piliers de la narration de Grey 's Anatomy au cours de ses quatorze (Pour l'instant) saisons.

È questo argomento, tanto banale quanto sempre attuale, a risollevare almeno in parte l’andamento della serie dopo alcuni episodi consecutivi veramente inutili; si aggiunga l’uso dei flashback, arte in cui Grey’s da sempre eccelle, e per questa settimana ce la caviamo un po’ meglio: succede qualcosa di effettivamente interessante, dei personaggi fanno progressi, di altri indaghiamo il passato. Assolutamente riusciti, en particulier, i flashback di JO et Alex: di lei è stata descritta bene anche se velocemente la sensazione di non appartenenza, proveniente in realtà da un disagio interiore, e di lui abbiamo finalmente potuto vedere quel lato di figlio costretto a crescere troppo in fretta, costretto ad indossare una corazza per proteggere la sua sensibilità da una vita troppo ingiusta. Anche nel presente, i due personaggi sono finalmente usciti da quello stallo in cui si trovavano ormai da oltre un anno senza un motivo ben chiaro; che il loro epilogo fosse sempre stato questo non è mai stato in dubbio, ma ultimamente la strada si era fatta molto tortuosa, con tre passi avanti e uno indietro, svolte illogiche e tempo perso. Ma finalmente si è rimediato a tutto: con la scusa del paziente (più fastidioso di Kimmie) al suo primo amore e della concomitante possibilità di fare carriera altrove, Jo si è resa conto di aver trovato la sua casa (alla buonora), Alex ha capito che per fortuna lei non è come quell’ingrata di Izzie e tutti i pezzi del puzzle si sono incastrati.

Altro elemento che funziona bene, come nell’episodio di settimana scorsa, è la vicenda di Meredith e Maria Cerone: questa spagnola è un tantino fastidiosa e lagnosa per i miei gusti, capisco la rabbia per il supposto torto subito da Ellis ma le sue pretese non stanno né in cielo né in terra, non può pretendere di arrivare dal nulla a distruggere la reputazione di una persona che non si può difendere, e soprattutto, se è tanto brava come dice, può darsi una mossa e fare qualcosa invece di stare sempre ad aspettare le idee altrui. La presenza indiretta di Ellis è ciò che rende questa storyline interessante, perchè in fondo alla base della serie c’è il complicato rapporto tra Meredith e la madre, l’influenza che l’una ha avuta sulla vita dell’altra, trovare nuova linfa in questa trama dopo quindici anni è un’abilità davvero ammirevole.

Meritano attenzione anche April e Koracic: la crisi di fede di lei, ottimo presupposto per una storyline intimista e seria, era finora stata affrontata in modo molto immaturo e vicino all’isteria; la situazione è lievemente migliorata, incredibile a dirsi, con la presenza di Koracic, improvvisamente trasformato da macchietta in essere umano (facendo anche un miglior uso dell’attore Greg Germann); i due sono accumunati da un grande dolore e dal conseguente odio verso un dio da cui si sentono traditi, e finalmente April è riuscita ad esprimerlo invece di limitarsi a bere alcol con i tirocinanti; non dico che non possa avere anche quel tipo di reazione, però il punto centrale era questo, ammettere la rabbia e la delusione, era ora che ci arrivassimo. È altrettanto evidente che la crisi dovrà peggiorare fino a raggiungere un punto di non ritorno, che servirà a giustificare l’addio a Sarah Drew: speriamo che gli autori facciano buon uso di questi ultimi episodi. Non intendo degnare di alcuna attenzione, plutôt, il primo amore di Maggie e tantomeno quello attuale: ogni scena di lei e Jackson insieme conferma la negativissima opinione che ho sempre espresso, solo in circostanze molto estreme potrei cambiare idea (ma non ne sono del tutto sicura).

Voglio sperare che questo episodio segni l’inizio della risalita e non una fortunata coincidenza nel buio del vuoto narrativo degli ultimi tempi: dita incrociate in vista del prossimo TGIT.

Note toutes les ’ épisode: ♥♥½ – Quanto è tenero Alex che si precipita a cercare l’anello appena capisce dove Jo sta andando a parare?! “Hell yes!” #TeamAlex

[Potete trovare questo post anche dalle nostre affiliate Jessica Capshaw fan et Nous aimons Alex Karev]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Laisser un commentaire

Votre adresse email ne sera pas publié. Les champs obligatoires sont marqués *