How To Get Away With Murder – 1×06 Freakin’ Whack-a-Mole – by S.

Schermata 2014-11-03 alle 20.05.39

Ormai giunto a metà stagione, Murder continua a fornirci piccoli indizi sulla morte di Sam e quella della sua giovane amante Lila. Nonostante i suddetti indizi, più le puntate passano più il mistero sembra infittirsi, circostanza rivelatrice della strategia di tenerci (giustamente) con il fiato sospeso fino al finale, quando la Grande Rivelazione ci farà vedere sotto una nuova luce tutto quello successo e intuito prima.

Questa settimana ci è toccato un episodio Asher-centrico, e mi auguro che aver dovuto sopportare questo strazio valga come espiazione di qualsiasi peccato mai commesso dai telespettatori nelle loro vite precedenti e anche future; Asher ha proprio una faccia che implora di essere insultata, non è possibile individuare un solo essere umano che lo trovi simpatico (è una valida e comprovata teoria scientifica, ovviamente); piuttosto di vederlo inquadrato di nuovo sarei disposta ad eleggere Laurel suprema protagonista di tutti i prossimi episodi, basta che non ci sia più Asher! Scoprire il background da ragazzino ricco e privilegiato non ha certo contribuito a migliorare la sua posizione, definitivamente affondata dalla quell’inquietante danza della vittoria. Shonda, liberaci da questa piaga!

Asher a parte, seguendo la strada intrapresa a piccoli passi dalle puntate precedenti, vediamo diversi lati di Annalise: con la sua confessione d’amore al marito, volendolo apparentemente proteggere ad ogni costo, è l’Annalise senza difese e sovrastrutture, semplicemente innamorata, mentre sul piano professionale, con il caso della settimana, scopriamo cosa l’ha portata verso questa professione. Ma se, da un lato, per quest’uomo condannato a morte Annalise si rivela più idealista di quanto l’avremmo mai immaginata, con un’invettiva così sentita e coinvolgente ed efficace che bisognerebbe dare a Viola Davis un Emmy seduta stante, dall’altro lato non è certo una povera ingenua. “The justice system doesn’t always reward those who tell the truth, but those who have the power to create their own”, dice, infatti, riferendosi ai veri colpevoli rimasti impuniti ai danni del suo cliente, ma lei segue la stessa strada per il caso di Lila Stangard: usando Frank per piazzare le prove, incastra l’ex fidanzato, così scagionando Sam (almeno per ora) e convincendo Rebecca a tornare a casa (ecco, mi auguro che Rebecca cominci ad essere più collaborativa e smetta di scappare e pronunciare solo frasi criptiche). Purtroppo pare che questo gioco le si stia ritorcendo contro, ma è possibile che Annalise si faccia prendere così alla sprovvista da Nate? Lei è una che pensa sempre cinque mosse avanti rispetto all’avversario, o almeno questa è l’immagine che ci hanno dato di lei finora; lo stesso dubbio sorge con la scena finale: sembra puntare alla sua completa estraneità ai fatti, ma è davvero così o si sta solo costruendo un alibi?

Schermata 2014-11-03 alle 20.09.33

Dopo aver visto questo episodio penso che, tra tutti i personaggi secondari, il più criptico sia quello di Bonnie: prima di tutto perchè se le sue azioni fossero davvero dei meri riempitivi, senza nessun significato nascosto, sarebbe un’offesa a Liza Weil e uno spreco del suo talento (possibile che in qualsiasi scena debba solo fare lo sguardo severo e/o perplesso?); oltre ciò, tutte le frasi che pronuncia hanno come sottotitolo *in realtà sto pensando tutt’altro* (soprattutto quell'”It’s for Annalise; I’d do anything for her”), ed abbiamo già visto come sia in grado di carpire informazioni di nascosto ed usarle a suo vantaggio; la notte con Asher potrebbe essere il suo alibi, così come il falò per i ragazzi e la telefonata alla stessa Bonnie di Annalise? Forse mi pongo questa domanda perché mi è assolutamente incomprensibile come qualsiasi essere vivente possa provare attrazione per Asher, usarlo per uno scopo diverso per me è l’unica ragionevole spiegazione!

Insomma, troppi “potrebbe”, “dovrebbe” e punti di domanda: qui c’è bisogno di risposte, ma pare proprio che ce le faranno sudare fino all’ultimo momento, come del resto si confà ad una serie che, settimana dopo settimana, non fa che superarsi e piacere sempre di più.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

2 pensieri su “How To Get Away With Murder – 1×06 Freakin’ Whack-a-Mole – by S.

  1. Peccato che Asher sia diventato uno dei personaggi più popolari della serie, al contrario di quella strega (per non dir di peggio) di Michaela, che a ogni puntata da nuove ragioni per odiarla. Pete Nowak (e non Shonda, è lui il creatore) esorcizza questo demonio molesto! Portati via anche Wes e Laurel già che ci sei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *