How To Get Away With Murder – 2×01 It’s Time To Move On (Season Premiere) – Recensione by S.

Hpw_to_get_away_with_murder_2x01_Annalise

La Shonda Night è ripartita a pieno ritmo e lo stesso si può dire della serie rivelazione della scorsa stagione: abbiamo passato mesi ad arrovellarci cercando di capire “who killed Rebecca?”, ed ecco che, in pieno stile Murder, la risposta finalmente arriva ma, a fine episodio, ci troviamo con più interrogativi di prima.

Tanta carne al fuoco in questa premiere, ma andiamo con ordine: l’assassino di Rebecca è svelato, trattasi niente meno che di Bonnie. Avevo puntato tutto su Michaela, magari Michaela e Laurel, e invece no, è stata l’efficiente assistente di Annalise. Devo dire che adesso più che efficiente mi sembra un tantino psicopatica: non è stato uno scatto d’ira, nè ha agito da sicario come Frank, ci ha proprio riflettuto e con calma ha soffocato Rebecca, lasciandosela alle spalle come se avessero appena fatto una bella chiacchierata tra amiche. È significativo anche il sangue freddo che ha mantenuto da quel momento in poi, non ha mai lasciato trapelare nulla, ha fregato persino Frank. Ma non ha fregato Annalise, che nella vita ne ha fatte di cotte e di crude ma, insomma, anche se le capita di occultare un cadavere c’è sempre un valido motivo. Questa rivelazione apre a sua volta una finestra sul passato di Bonnie, evidentemente non molto limpido e per nulla dimenticato: le conseguenze le abbiamo viste bene, quindi è ragionevole ritenere che la cosa verrà approfondita, anche per dare al personaggio il giusto spazio, come sempre avviene a Shondaland.

How_to_get_away_with_murder_2x01_Bonnie

Nonostante si sia scoperto chi ha ucciso Rebecca, i misteri continuano ad aumentare: Murder ripropone la stessa struttura della scorsa stagione (i flashabck e i flashforward, a guidarci lungo la ricostruzione dei fatti partendo dall’avvenimento finale, il mistero centrale e il caso della settimana), ma la carica di trame e controtrame: riprendiamo le fila di ciò che era stato lasciato in sospeso con Egg 911 e Nate incastrato per omicidio, ma a questo si aggiunge il suo nuovo avvocato, che ovviamente è una donna bellissima e in carriera che incenerisce pubblici ministeri con uno sguardo; altrettanto ovviamente non ci si poteva fermare qui, perchè la misteriosa Eve è anche l’ex fidanzata di Annalise, con ritorno di fiamma in atto. Insomma, mai un attimo di noia! E non si può nemmeno abbassare la guardia troppo facilmente: quello che sembrava il caso della settimana, destinato a risolversi in quaranta minuti, assume contorni diversi (quanto è inquietante la gemella?), soprattutto nel momento in cui si scopre il mistero che sarà al centro della stagione: perchè qualcuno spara ad Annalise in quella villa? Perchè Wes scappa da quella villa? Troppe domande!

How_to_get_away_with_murder_2x01_Annalise_shot

Il rapporto tra Wes ed Annalise è, di certo, uno dei più complessi della serie: i due oscillano continuamente tra l’affetto madre/figlio, su cui i fan speculano molto, e un leggero gioco di seduzione, costantemente accennato e subito dopo lasciato cadere, come per farcelo dimenticare ma mai del tutto, per tenerci sempre all’erta. Annalise, invece, si mostra di nuovo per come l’abbiamo conosciuta nella scorsa stagione: una forza della natura, imbattibile nel suo lavoro, una mente da stratega, estremamente consapevole delle proprie qualità ma anche dei propri errori, cosa che la porta ad avere un lato più fragile, sempre in cerca di qualcuno che la capisca.

How_to_get_away_with_murder_2x01_Connor

I Keating Five, dal canto loro, fanno le solite cose: litigano e si agitano. Si agita soprattutto Michaela, che tollero ancora meno di prima, ma purtroppo pare sia destinata a restare in vita, quindi me ne farò una ragione. Fa molta tenerezza Asher, che sta con un’assassina e non se ne accorge (come potrebbe?), ricattato dall’accusa pur essendo l’unico all’oscuro di tutto. Per fortuna ci sono Connor e Oliver, la coppia più amata dal pubblico, che ci regalano qualche momento di tenerezza per prendere fiato tra un omicidio e l’altro.

Insomma, pare che gli ingredienti per una stagione con il botto ci siano tutti, anche più dell’anno scorso; è sempre molto sottile la linea di confine tra il grande successo e il rischio flop, ma sembra che Murder sia ancora in stato di grazia, anche sulla scia della recentissima e storica vittoria agli Emmy di Viola Davis. La premiere, più che soddisfare la nostra curiosità, l’ha ulteriormente aumentata, e siamo ufficialmente pronti a riprendere la dipendenza da Shonda Night.

[Anche quest’anno potete trovare le recensioni dalle nostre affiliate How to get away with Murder – Italian Fanpage e How to get away with Murder Italia]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *