How To Get Away With Murder – 2×02 She’s Dying – Recensione by S.

How_to_get_away_with_murder_2x02_Eggs_911_picture

Dai, non abbiamo indovinato Bonnie ma dopo questo episodio saremo sicuramente in grado di elaborare una teoria su quello che succede ad Annalise. Vedrai che quest’anno capiamo tutto e risolviamo il mistero“. Questa è la conversazione che ho avuto con la mia co-autrice R. poche ore prima di vedere l’episodio; inutile dire che nessuna di quelle previsioni è diventata realtà.

Anche questa volta nessun rapido caso settimanale, la serie si concentra tutta su Annalise e sulle conseguenze degli avvenimenti della prima stagione; il clima si fa quindi sempre più personale, mettendo da parte tutto ciò che distoglie l’attenzione dalla vera protagonista. E questa tecnica non può fallire se la protagonista è Annalise Keating, per di più interpretata da una Viola Davis sempre più magistrale. Farla testimoniare non sarà stato molto utile ai fini della strategia processuale, ma ci ha senz’altro regalato un monologo che resterà certamente negli annali della serie.

How_o_get_away_with_murder_2x02_Annalise

Il contorto piano di Annalise per incastrare (prima) e salvare (dopo) Nate funziona perfettamente, nonostante qualche imprevisto dell’ultimo momento, ma a caro prezzo: parlando delle domande fatte alla sbarra dal pubblico ministero (quanto è fastidiosa quella donna?), “slut shaming” è dire poco. Annalise accusa il colpo ma non cede, se non fino al controinterrogatorio di Eve, che va ancora più oltre sconfinando nel personale. A questo Annalise non era preparata, e come sempre è nei momenti di maggiore vulnerabilità che mostra i lati più affascinanti di sè. Se l’anno scorso era la volta del matrimonio in crisi, adesso ci rivela il suo lato innamorato, ed è davvero difficile non tifare per questa coppia. Ovviamente è una relazione destinata al più tragico fallimento, come lascia già presumere l’appostamento del furibondo Nate.

How_to_get_away_with_murder_2x02_Connor_Laurel

Problemi di coppia anche per Oliver e Connor, ma qui le conseguenze sono più facilmente controllabili; questa relazione serve anche a raccontare un profondo cambiamento del personaggio di Connor, come sottolinea proprio il suo fidanzato. Chi l’avrebbe mai immaginato in questa situazione solo un anno fa? Anche i flashback ci svelano un suo nuovo lato: è Connor a rimanere accanto ad Annalise fino all’ultimo, mentre quando toccò a Sam cercò sempre di farsi coinvolgere il meno possibile. La presenza di Oliver gli ha fatto proprio bene, e fa bene anche a Michaela, che parlando con lui è apparsa simpatica per la prima volta nella sua vita. Purtroppo la sfiga in fatto di uomini non la abbandona mai: dopo il promesso sposo gay, ora è il turno di quello che potrebbe essere Eggs 911. Non vedo l’ora di assistere alla sua crisi isterica quando lo scoprirà.

How_to_get_away_with_murder_2x02_Bonnie

Solo siparietti simpatici, invece, per Laurel e Frank: lui non ha tutti i torti lamentandosi di essere trattato come un gigolò, e lei si è un po’ meritata di essere mandata in bianco in quel modo… ma fa un po’ ridere pensare che Frank è pur sempre un sicario: soffoca ragazze su commissione e all’improvviso scopre tutta questa sensibilità in ambito sentimentale? Ma del resto, chi siamo noi per giudicare?! Si fa interessante, invece, la ricostruzione del rapporto tra Bonnie e Annalise: era finora rimasto piuttosto inesplorato, ed è affascinante scoprirne le origini e la storia proprio ora che si è incrinato, forse irrimediabilmente.

Non c’è nulla che mi lasci dubbiosa in questo secondo episodio, Murder ha individuato i suoi punti di forza e li enfatizza al massimo, senza mai esagerare e dando agli spettatori esattamente quello che vogliono: intrattenimento di grande qualità.

[Anche quest’anno potete trovare le recensioni dalle nostre affiliate How to get away with Murder – Italian Fanpage e How to get away with Murder Italia]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *