Revenge – 3×08 Secrecy – by R.

111454

“We’re pregnant”, Emily è sempre geniale! E’ vero, incastrare un uomo con una gravidanza è subdolo e da condannare, ma dopo che il tuo futuro sposo ti definisce identica a sua madre, tutto è giustificabile. Anche perché da che pulpito arriva? Dal rampollo dei Grayson che solo da poco si è reso economicamente indipendente dai genitori, ma ai quali fino a pochi mesi prima reggeva ogni sporco gioco; senza dimenticare che in questo episodio, nonostante la negazione iniziale, segue le orme paterne nella gestione delle relazioni sentimentali – e non è la prima volta. In più se il rischio dell’annullamento delle nozze è ormai imminente, non c’è altra soluzione per tenersi stretto il fulcro del piano. Daniel passa la puntata cercando formalmente di evitare di cadere nel ruolo del fedifrago – ossia ripetere la storia di papà Conrad – ma in concreto il tradimento è lì dietro l’angolo: quegli sdolcinati incontri fintamente casuali, i continui ricordi dei momenti passati, l’evitare intimità con la fidanzata sono passi che conducono ad un esito certo. In una simile situazione basta che Emily commetta una sciocchezza perché lui capisca che non è la donna della sua vita. E così è: un’azione di difesa contro l’ennesimo tentativo di sabotaggio da parte di Victoria, che in ogni altro momento porterebbe Daniel più vicino ad Emily, si trasforma in un boomerang “Emily and my mother are the same person. And I do not wanna marry my mother”: il disastro, quello che fino a poche puntate fa non avrei mai pronosticato. Per fortuna Emily ha sempre un plan B e stavolta gioca l’asso: di fronte alla gravidanza – con tanto di ecografia come prova – Daniel non avrà mai il coraggio di abbandonarla a pochi giorni dal matrimonio. Certo di fronte ai dilemmi morali che abbiamo dovuto sopportare dall’inizio di questa terza stagione, sembra una scelta un po’ azzardata: Nolan e Jack non risparmieranno le critiche; e non gli si può dar torto. Incastrare un uomo in un rapporto con la scusa di un bambino è veramente una cattiveria, un escamotage abusato in ogni telenovela che non porta mai a nulla di buono. Dal punto di vista di Amanda è l’unica opzione possibile però – anche se forse svegliarsi prima rispetto alla storia col fidanzato sarebbe stato più produttivo. A rendere il tutto più complicato c’è il fatto che Daniel e Sara sono terribilmente romantici, una Cenerentola moderna: un amore che ha resistito agli anni, ad un incidente e agli intrighi dei coniugi Grayson. E lei è pure buona, non è un’arrampicatrice disposta a tutto pur di farsi mettere l’anello al dito dal riccone di turno, anzi di fronte alla manifestata bontà di Emily è pronta a farsi da parte. E’ vero, è anche pronta a cogliere l’eventuale errore della rivale accordandosi con Victoria, ma come escludere una tale possibilità davanti al grande amore? Gli autori hanno studiato bene questa storyline: il dilemma su quale coppia tifare è di difficile soluzione; ma la storia ci è sempre stata raccontata dal punto di vista di Amanda, quindi un punto in più andrà sempre a lei. In luogo del triangolo originario Jack-Emily-Daniel (che continuo a ritenere il più efficace e a rimpiangere) ora ne abbiamo ben due: Emily-Daniel-Sara e Jack-Emily-Aiden.

E’ proprio quest’ultimo che mantiene un ruolo centrale e – finalmente – la gelosia di Aiden inizia ad essere sostituita da quella di Jack. Nonostante il bel barista stia ormai frequentando Margaux, non riesce a non trovare fastidiosa la presenza di Aiden, che ora sa essere non solo l’uomo che lo ha costretto ad allontanare il figlio, ma anche colui che fuggirà con Amanda. Ovviamente questo non lo lascia indifferente e si sente in obbligo di metterla in guardia sulla reale conoscenza dell’inglese, dopo aver visto la sua eccessiva violenza – soprattutto se si pensa che lo stava facendo per quell’inutile intrigante di Charlotte. Il confronto Jack-Amanda raggiunge un nuovo livello, con lui che non può fare a meno di confessarle “I could never hate you. You deserve more than you’re getting (Aiden)”, forse le parole più romantiche che le abbia detto da quando conosce la verità. Ora però è lei che fa un passo indietro “You don’t know me, not anymore”; Jack si merita ogni singola parola e dovrebbe capire che questa reazione è solo la logica conseguenza di come l’ha trattata: se non l’avesse fatta passare per il diavolo in persona per il suo piano, lei non sarebbe arrivata a pensare che l’inglese sia l’unico in grado di comprenderla e di accettarla. Ma non bisogna dimenticare che lei era pronta ad abbandonare la vendetta per Jack e che la bambina dolce che vediamo nei flashback, è sempre lì, solo nascosta da una spessa corazza. Con Jack ha in comune il passato, con Aiden il presente, ma cosa accadrà una volta che vendetta sarà fatta? Per quanto il rapporto con l’inglese abbia resistito contro ogni previsione, i vari momenti con Jack non possono essere semplicemente un promemoria di una vita che non ci potrà mai essere e i sentimenti che ancora li legano sono evidenti. Dopo episodi di follia si sta ristabilendo l’ordine naturale delle cose, il tutto facilitato da 007 che, sfruttando in segreto la sorellastra della compagna, si fa del male da solo.

Qualche parola anche per Charlotte, vittima di ricatto per delle foto hot: in tre stagioni è riuscita a porre in essere tutti gli stereotipi della ragazzina ricca e ogni volta se l’è cercata. Se in passato poteva anche essere giustificata – sforzandosi parecchio – con gli atteggiamenti recenti si merita tutto. In più fa tanto la gran donna, ma non sa gestire nulla da sola, infatti corre a chiedere aiuto al tirapiedi dei genitori, per non parlare del fatto che ancora sfrutta le domestiche di casa Grayson. Almeno quando c’era Declan la sua storyline manteneva un grado di interesse, adesso è solo fastidiosa.

Un episodio che con l’annuncio della gravidanza segna un punto di non ritorno: è una scelta pesante di cui tutti, Emily in primis, dovranno accettare le conseguenze. E sarà curioso vedere come la prenderà la futura nonna, ormai certa di essersi liberata di Miss Thorne. Ma ancor di più il papà: sentirsi intrappolato in un matrimonio che non vuole potrebbe causare più problemi che vantaggi, facendo emergere i lati che Daniel ha ereditato dai genitori e che finora è riuscito, più o meno, a controllare.

Ma non basta, l’arrivo della cicogna rischia di essere oscurato da un ritorno inaspettato: Lydia Davis (Amber Valletta), la prima vittima del pennarello rosso di Emily, ma anche delle azioni di Victoria e Conrad. In passato era andata vicina a scoprire la verità su Amanda, ma il suo incontro con Margaux fa pensare che le sue mire siano dirette sui Grayson. Speriamo sia così, Emily ha già abbastanza problemi e gli scambi tra Lydia e Victoria erano sempre molto divertenti. La grande domanda però è: come ha fatto a salvarsi dall’incidente aereo? Possibile che le uniche due vittime predestinate siano sopravvissute e non si sia salvata neanche mezza prova contro i Grayson?

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *