Revenge – 4×07 Ambush – Recensione by R.

Revenge_4x07

Quando un episodio di Revenge inizia con un flashforward sappiamo che dobbiamo iniziare a preoccuparci, anche se la scena vede Victoria Grayson stesa in mezzo alla strada; d’altronde lo abbiamo ben imparato dal primissimo flashforward che ha aperto il pilot: negli Hamptons niente è come sembra. Eppure la puntata ci distrae talmente bene con gli incontri più o meno inaspettati tra i vari personaggi e gli sviluppi delle indagini di ognuno, che quando arriva il momento anticipato io me lo ero proprio scordata.

Partiamo da David che, su consiglio di Jack (si vede poco, ma non ne sbaglia una), decide di fare visita alla migliore amica della figlia, nonché madrina del nipote, Emily Thorne. Complimenti alla capacità di autocontrollo di Amanda, che non ha un’immediata crisi isterica nel momento in cui il padre non la riconosce; non si pretende che gli basti uno sguardo, però un minimo di perplessità di fronte alla sua bambina è dovuto. Invece non solo le parla come se fosse una perfetta sconosciuta, mette in mezzo anche le sue solite bugie sulla prigionia in un momento in cui non sono assolutamente necessarie, gettando ancor di più la nostra Amanda nello sconforto. Dobbiamo ricordarci che stiamo parlando di un uomo che, indipendentemente da quanto successo dopo la sua finta morte, ha dovuto affrontare enormi stress e sofferenze, almeno è quel che mi ripeto quando mi viene voglia di urlargli solo brutte parole; allo stesso tempo però è un uomo ingegnoso, altrimenti da chi avrebbe preso Amanda e come avrebbe potuto nascondersi per tanti anni? Tuttavia ha già dimostrato di poter perdere ogni neurone in un istante commettendo qualche sciocchezza e lo fa anche stavolta: riferisce subito a Victoria del suo incontro con Emily e dei dubbi manifestati dalla ragazza sulla caduta di Amanda durante il baby shower; non contento la avvisa che andrà a parlare con le ex colleghe della figlia per capire se i sospetti su una spinta da parte sua siano fondati. Un genio proprio; non solo dà tempo e modo a Victoria di prendere le necessarie contromisure, ma si rivolge a delle spogliarelliste per un’informazione che potrebbe tranquillamente trovare online (c’era stata pure la diretta tv) o chiedere a Jack. E invece no, lui va a parlare con una stripper che ovviamente – con tutto il rispetto per le spogliarelliste – si è già fatta corrompere da Victoria con una misera collanina.

Revenge_4x07_Daniel_Amanda

La povera Amanda oltre a dover sostenere il peso dell’incontro con il padre ben sapendo che sta mentendo, viene intralciata nelle sue indagini dall’ex marito, offeso per aver scoperto di essere stato solo una pedina per il suo piano di vendetta – che poi è comunque meglio di essere usato per entrare nell’alta società degli Hamptons. Ho sempre avuto un debole per Daniel, mai al punto di tifare per lui contro Jack, ma in fondo era carino, dolce e simpatico, nonché vittima sacrificale di Amanda che – soprattutto – credo abbia amato davvero, quindi speravo che alla fine tutto si sarebbe messo bene per lui; ha avuto i suoi momenti no, con il raggiungimento del suo punto più basso nella scorsa stagione, ma ora si è ripreso e sta migliorando, ecco perché guardo con tenerezza alla domanda che rivolge all’ex moglie “Was any of it real?”. E la risposta di Amanda è la più giusta e sincera che potrebbe dargli “Maybe there was a time when the feelings were real and we could have had a real relationship, but the moment that you aligned yourself with your father, it was all over”; quello è stato il momento in cui ogni possibilità di un amore vero con Daniel è crollata: di fronte alla confessione di Conrad sull’affaire David Clarke, Daniel si è schierato col padre, andando contro ad ogni buon proposito manifestato in precedenza; da lì non ha avuto più importanza che amasse veramente Emily e cercasse di agire correttamente, tutto era irrimediabilmente rovinato da quella presa di posizione (e infatti dopo è stato necessario l’ingresso di un altro personaggio maschile, Aidan, che andasse a ricreare un triangolo amoroso, Jack-Emily-Daniel, ormai non più proponibile): la più grande delusione inflittami da Daniel Grayson, probabilmente peggiore dello sparo nella passata stagione.

Revenge_4x07_foto

Nonostante l’intralcio ex marito, Amanda riesce magistralmente a recuperare il contenuto della cassetta di sicurezza del padre – Eva Kant fatti da parte – che si rivela più sconvolgente di quanto ci saremmo potuti immaginare. Niente documenti scottanti o oscuri segreti, ma tantissime foto che seguono passo passo la vita di (fake) Amanda Clarke, nozze con Jack comprese. Una batosta ulteriore dopo l’incontro vis-à-vis: David non è e non è stato in grado di riconoscere sua figlia e in più era lì, ha avuto la possibilità di tornare da lei, di avvicinarla, ma non l’ha fatto. A questo punto lo sfogo di Amanda che va a distruggere tutti i buoni intenti che si era prefissata è più che comprensibile e porta ad una scena che credevamo ancora lontana: lo sfogo di lei “You were right there. If you had come for her, I would have known. I would have known! You could have come for me, but you didn’t. You taught me to be strong and brave, but you’re a coward” e le tre parole di David “Amanda. It’s you” mi hanno portata sull’orlo di un pianto a dirotto. Peccato che tutto sia interrotto da quella strega di Victoria che, a causa del forte temporale in corso, prende la scossa e finisce a terra priva di sensi. Sappiamo che non muore, quindi è un avvenimento assolutamente inutile, che va a interferire nuovamente nel rapporto padre-figlia promettendo di eroderlo ancora. Non ho neanche capito come sia accaduto, all’arrivo di Amanda è stranamente uscita senza fare storie e improvvisamente è caduta; un tempismo perfetto non c’è che dire, che lascia inevitabilmente l’alone del sospetto, da Mrs Grayson mi aspetto di tutto. Voluto o no, ottiene un effetto che sicuramente le sarà lieto, visto che David abbandona senza esitazioni Amanda, costretta a vedere suo padre che corre da Victoria, ancora una volta.

Revenge_David_Amanda_4x07

A stemperare la tensione i divertenti siparietti di Nolan e Louise, è vero che la donna è protagonista di un tentato omicidio, ma considerando che la vittima è quella fastidiosa di Margaux non lo si può prendere troppo seriamente. Tra l’altro la conversazione tra Louise e la madre che non c’è – non si sa se sia morta o meno – ci chiarisce che la giovane non ha semplicemente bisogno di essere apprezzata da una figura materna, ma è davvero mentalmente disturbata, come ha fatto ad uscire dalla clinica? Dopo l’umiliazione in diretta tv, Nolan è perseguitato dai media e trova rifugio unicamente nel country club; quel posto prima disdegnato è il solo che gli restituisce un po’ di pace e così il ragazzo, in perfetto stile Queen degli Hamptons, decide di mettere in pratica le “sagge” parole di conforto di Louise “At the end of the day you can have something that all these other people can’t. Anything you want”: Nolan acquista il club – è impossibile non adorarlo! Nel ruolo dell’ormai ex proprietario Charles Shaughnessy, il produttore di Broadway Maxwell Sheffield di La Tata; chi non ha urlato “Signor Sheffield!” appena lo ha riconosciuto?

Revenge_4x07_Nolan

Con la reunion padre-figlia rovinata dalla solita Victoria, restiamo col dubbio sulla reale portata del riconoscimento di Amanda da parte di David. Ci sia o meno un passo indietro al riguardo è ormai chiaro che il faccia a faccia tra i due è vicino, nel frattempo possiamo solo sperare che David rinsavisca così potremo gioire dell’abbraccio con la figlia. E in tutto ciò, qualcuno ha sentito la mancanza di Charlotte?

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *