Revenge – 4×12 Madness – Review by R.

Revenge_4x12_AmandaDavid

La follia – come da titolo – è la protagonista di questo episodio, dai disturbi mentali già conosciuti di Louise alle crisi di Margaux, entrambi in grado di portare a importanti incidentali sviluppi delle storyline; ma a colpire più di tutte, devastando ogni piano in atto, è quella di Jack, un’ingenuità che poteva davvero risparmiarsi.

Sapere che la morte di Miami è stata solo una messa in scena e che in realtà Malcolm Black è a due passi ci impedisce di avere la stessa reazione di Nolan di fronte alla decisione di Amanda di abbandonare gli Hamptons con David. Il darsi l’opportunità di conoscersi di nuovo è il miglior happy ending che avremmo potuto sperare per padre e figlia, capace anche di far desistere l’uomo dal proposito omicidiario contro Victoria – in effetti qui Emily ha ragione “Death for Victoria would be merciful. She has nothing left. Now is the time to let her suffer”. Lasciarsi alle spalle il mondo che li ha separati è il primo passo per riprendersi le loro vite, ma prima hanno entrambi le classiche questioni pre-trasferimento da risolvere. E se per Amanda si tratta di troncare una storia mai iniziata con Ben – poveretto, nella sua insistenza fa sempre più tenerezza – e dedicarsi ad una missione d’addio con l’amico Nolan, per David tutto è molto più rischioso una volta saputo da Jack della visita di Malcolm Black.

Revenge_4x12_Nolan

Per quanto Louise sia divertente, non potrà mai competere con Emily Thorne in coppia con Nolan: senza bisogno delle luci dei media i due hanno fatto cose meravigliose insieme, rendendo il ragazzo una sorta di perfetta anima gemella della sua Ems. La cena con i fratelli Ellis, volta a scoprire se il vero pericolo è Louise o suo fratello Lyman, è la dimostrazione di come i due si completino a vicenda: se all’inizio è l’intuito di Nolan a spronare Ems ad indagare, poi è l’abilità di osservazione di quest’ultima a portare alla luce una verità inaspettata; Louise non soffre di allucinazioni perché malata, ma a causa di un farmaco somministratole di nascosto dal medico pagato da Lyman. Tuttavia l’elemento più rilevante della chiusura di questa storyline è la scoperta del messaggio inviato a Kate che Victoria aveva fatto recuperare a Louise: ora Amanda sa che nello stesso momento in cui Victoria l’accusava per la morte di Daniel, la donna sapeva benissimo di esserne la responsabile principale; ed ecco che ogni pietà provata per una madre in lutto svanisce.

Non possiamo essere altrettanto soddisfatti della coppia David-Jack, sostanzialmente perché il secondo agisce di testa sua. Il piano per fermare Malcolm Black sarà anche pieno di rischi, ma è senza dubbio la chance migliore che hanno per liberarsene definitivamente. Non servivano i flashback sugli anni di prigionia di David per comprendere che tipo fosse Malcolm – servono tuttavia per capire il profondo cambiamento del padre di Amanda e come abbia fatto a salvarsi dalla pugnalata in carcere – a Jack sarebbero dovute bastare le velate minacce verso il piccolo Carl; ma soprattutto il poliziotto dovrebbe ormai sapere che la giustizia negli Hamptons non è tanto imparziale: cosa ha imparato negli ultimi quattro anni? I Grayson sono rimasti impuniti per la morte di sua moglie e suo fratello, ma lui ancora è convinto che consegnare alle autorità ogni prova su Black sia sufficiente per arrestarlo definitivamente. Credo sia il solo ad aver avuto quell’espressione di triste sorpresa una volta saputo “He was released. The agent assigned said there was a lack of evidence”. Non ho veramente parole per commentarlo!

Revenge_4x12_MalcolmBlack

Come pronosticato è difficile provare dispiacere per Margaux, piena di rabbia contro tutto e tutti. Probabilmente se fosse stata più simpatica negli episodi passati e avessi colto un grande amore tra lei e Daniel la giudicherei diversamente. Razionalmente comprendo che non possa accettare che il padre di suo figlio venga ricordato come un assassino; d’altra parte però raccontarle la verità sarebbe altamente rischioso vista la sua deformazione professionale di portare ogni storia sulla cover del suo magazine; ugualmente quell’atteggiamento da paladina della verità senza scrupoli non la aiuta a farmi provare un po’ di pietà. Dovrebbe sapere che in gravidanza bisogna stare rilassate, invece si infiamma per accusare I Would Be di essersi fatto ingannare dai sentimenti per Emily: lo svenimento è inevitabile. Perfino l’avere come unica persona vicina Victory non la rende tollerabile, anzi è probabilmente destinata a peggiorare; quasi certamente spinta dalla sua solita paura di restare sola – nuora e nipote sarebbero una vera ancora di salvezza – Victoria decide di raccontarle la verità, ossia che Emily è in realtà Amanda Clarke, una figlia accecata dalla vendetta. Insomma Mrs Grayson è sempre pronta a spifferare a modo suo i segreti degli altri, con una incredibile capacità di sorvolare sulle proprie cattiverie. Dubito che la promessa di riservatezza servirà a fermare Margaux, ma dovremo preoccuparci anche di Ben, che ha sentito ogni parola – d’altronde se parli tranquillamente con la porta aperta!

Revenge_4x12_Ben

Tutte queste storyline apparentemente indipendenti all’interno dell’episodio portano ad una comune conclusione ad alta tensione. Già lo scontro verbale fra Amanda e Victoria è di per sé un buon finale di puntata, con la seconda che persiste nel negare l’evidenza del suo coinvolgimento nella morte del figlio e la prima che le ricorda implicitamente una differenza fondamentale tra loro: per la perdita di Daniel, Emily ha avuto compassione di lei, la stessa che Victoria non le ha mai dimostrato neppure dopo averle strappato il padre. E quando Mrs Grayson le ribadisce il suo disprezzo – preferendo morire piuttosto che essere salvata da Amanda – entrambe vengono colpite da un sedativo. Purtroppo non è David che si vendica di Victoria (la prima a cadere a terra), ma Malcolm che ora sa che la figlia del suo nemico è viva.

La diverse forme di follia hanno portato alla luce i segreti che separavano i vari personaggi. Sebbene il focus rimanga sull’accelerazione della vicenda Malcolm Black, il punto interrogativo riguardo alle reazioni di Ben e Margaux sulla vera Amanda Clarke non è da sottovalutare; specie per i ruoli che ricoprono, i due potrebbero causare problemi altrettanto seri.

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *