The Following – 3×04 Home / 3×05 A Hostile Witness – Recensione by S.

The_Following_3x05_Joe_Carroll

Dopo tante false partenze ed altrettante speranze deluse, finalmente The Following ci mostra di cosa è capace, con quelli che sono stati in assoluto i due episodi migliori della serie.Non so se sia dovuto alla mia stanchezza di questa settimana, che mi ha resa particolarmente magnanima nei giudizi televisivi, ma il colpo di scena alla fine del quarto episodio mi è sembrato riuscitissimo. Effettivamente sorgeva spontaneo chiedersi quale ruolo potessero mai avere quei due studenti, ma la conclusione non mi è sembrata per nulla prevedibile. Si sapeva che Kyle e Daisy fossero parte di un piano diverso da quello di Mark e, soprattutto, che coinvolgeva più persone; era anche corretto pensare, come dissi la scorsa settimana, che quel piano non avesse a che fare con la vendetta di Mark e che fosse in qualche modo legato a Joe Carroll (se no cosa ce lo teniamo a fare James Purefoy nel cast?!), ma di fatto la rivelazione mi ha colta alla sprovvista, esattamente come dovrebbe succedere in ogni buona serie tv.

The_Following_3x05_Ryan_Max_Mike

Gli autori sono stati molto abili nel non farci notare quello che stava succedendo proprio sotto i nostri occhi; anche la campagna promozionale della terza stagione, del resto, puntava molto su Mark e la vendetta della sua famiglia, pensare che i nuovi omicidi ne fossero la realizzazione era la cosa più ovvia. Per una volta lo spettatore non è stato infastidito dalla trappola tesa all’FBI ma ci è caduto completamente con lei; ed era anche ora, aggiungerei! Questa è stata, se non la prima, una delle rare volte in cui The Following è riuscita in quello che dovrebbe essere l’obiettivo di ogni serie, drama o comedy che sia: chi guarda non deve soffrire per i protagonisti o ridere dei protagonisti, deve soffrire e ridere con loro. In questi episodi è stato annullato il distacco, prima sempre presente, tra pubblico e personaggi, creando finalmente quel legame che rende più significativa la visione dell’episodio.

The_Following_3x05_Strauss

Un’altra scelta autoriale che condivido pienamente è quella di affidare al professor Strauss il ruolo di villain principale: senza dubbio uno dei personaggi più interessanti incontrati finora, nella scorsa stagione aveva risentito della presenza di Lily & co., che lo avevano costretto ai margini della scena come un criminale qualsiasi. Ora finalmente è il suo momento di gloria, e date le premesse c’è da aspettarsi che nei prossimi episodi la storyline si farà parecchio interessante. Mettere Strauss in questa posizione è utile anche sotto un altro profilo, ossia quello di evitare che la serie ripeta se stessa con Ryan che dà la caccia a Joe. E proprio per Joe, in questo contesto, si aprono nuove prospettive: abbiamo già avuto modo di vedere lui e Ryan sullo stesso fronte, uniti contro un nemico comune, e quei momenti hanno sempre riscosso un certo successo di pubblico. La serie seguirà di nuovo questa strada, magari approfondendola un po’ più che in passato? Non lo darei per scontato, perchè pur considerando il profondo e complicato legame tra Ryan e Joe, Strauss è pur sempre il suo maestro: una figura ancora più significativa, quasi materna, per qualsiasi serial killer che si rispetti.

The_Following_3x04_Max_Mike_Kiss

Una breve osservazione su Max e Mike: finalmente!! Dio esiste! Sono molto contenta che il fidanzato insignificante abbia visto il video compromettente, così magari capisce che non è aria e si leva di torno più in fretta. Purtroppo al momento sembra più intenzionato a farla pagare alla fidanzata fedifraga, altro tempo sprecato con una relazione di cui non frega niente a nessuno; sopporterò questa storyline solo se servirà a creare un po’ di suspense in vista della rinascita dell’amore tra Max e Mike. Un po’ eccessiva, invece, la relazione di Tizio e Daisy (il nome di lui non conta perchè tanto è morto): abbiamo recepito il messaggio degli innamorati assassini ma c’è un limite a tutto, non è necessario diventare dei novelli Romeo e Giulietta (Tizio che in punto di morte sussurra il nome della moglie è stata una cosa ridicola). E finalmente anche Mark sembra rinsavito: si è fatto prendere in giro proprio finchè ha potuto, altro che “big heart”, è stato un vero idiota; sono curiosa di vedere cosa farà adesso: la farà pagare ai suoi amici traditori e metterà da parte la vendetta della madre? Farà entrambe le cose? Se così fosse, e considerando l’entrata in scena di Strauss, ci sarebbero un po’ troppe trame e sotto trame.

The_Following_3x05_Kyle_Daisy

Nel complesso questa settimana la valutazione è più che positiva; per una serie che a tratti perde la retta via e viene tenuta sui binari praticamente solo da Kevin Bacon, questo doppio episodio le ha dato un po’ di meritato lustro. Mi raccomando, però, continuiamo così!

[Trovate questo post anche dalla nostra affiliata The Following Italia, che come sempre ringrazio per la collaborazione]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Un pensiero su “The Following – 3×04 Home / 3×05 A Hostile Witness – Recensione by S.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *