The Following – 3×12 The Edge – 3×13 A Simple Trade – Recensione by S.

The_Following_3x13_Ryan

Un doppio episodio a ridosso del finale e, soprattutto, subito dopo la notizia della cancellazione della serie: The Following ci lascia definitivamente dopo la terza stagione. Con queste premesse, le aspettative erano abbastanza alte, ma sono state soddisfatte pienamente.

Un Ryan sempre più fuori controllo è l’ingrediente fondamentale per la riuscita dell’episodio; aggiungiamo tutte le storyline che finalmente confluiscono in una sola, persino una di senso compiuto, e non potremmo chiedere di meglio. Vedere Ryan (e Max) lavorare per conto proprio fregandosene altamente di tutta l’FBI è stato un po’ un ritorno alle origini della prima stagione, ma questa volta c’è anche l’alcol a rendere le cose più briose: quanti di voi hanno adorato Ryan che seguiva i suggerimenti di Joe per torturare Penny? La bromance tra i due è sempre viva, nonostante la morte di Joe; anzi, direi che tra i fan è viva ora più che mai. Anche Max che decide di dare un pugno in faccia allo zio è stata una scena epica, Ryan avrebbe dovuto ricominciare a bere un po’ prima per regalarci altri momenti come questo. Peccato che alla fine sembri davvero deciso a cambiare e ad essere un uomo migliore, tutto per amore dell’inutile Gwen: speravo non si vedesse più e invece eccola che riappare con quello sguardo lacrimevole pronta ad ammorbare tutti con le sue paranoie mentali. Davvero, spiegatemi come si fa a sopportarla. È vero quello che dice a Ryan, c’è del buono in lui ed è ora di smettere di farsi consumare da Joe, ma ad irritarmi è il suo perenne atteggiamento da vittima, non prende mai la situazione in mano, e anche quando sembra che lo stia facendo trova sempre il modo di tornare a lamentarsi. Ecco, l’unico effetto positivo della cancellazione della serie è non dover rivedere Gwen (magra consolazione!).

The_Following_3x13_Max_Mike_kiss

Max e Mike, invece, mi faranno venire un infarto entro la fine del prossimo episodio se non la smettono di tenerci con il fiato sospeso: ci è voluto un anno intero perché ritrovassero l’amore, nemmeno il tempo di un bacio ed ecco che arriva Mark, tempestivo come solo lui sa essere. Nonostante il dispiacere per l’happy ending della coppia (in cui comunque si può ancora sperare), la scena è stata davvero ben eseguita: l’inaspettata apparizione di Mark e la disperazione di Max, ma la cosa migliore è stato Mike che, in quello che sembrava un ultimo gesto eroico, ha ucciso il suo eterno nemico salvando la vita al suo grande amore, da cui si era allontanato proprio a causa di quel nemico. Una perfetta chiusura del cerchio, e la morte di Mike darebbe una certa vena di tragedia romantica alla vicenda, ma per quanto mi riguarda se ne può anche fare a meno: il “vissero per sempre felici e contenti” va più che bene!

The_Following_3x13_Mike_stabbed

Come negli episodi precedenti, Tom ha dato un tocco di comicità ad eventi altrimenti drammatici, con le sue idee sempre più intelligenti: la scena in cui Max si è accorta che proprio lui era la talpa mi ha dato una grande soddisfazione; sarebbe stato bello vedere un confronto tra i due, invece ci siamo dovuti accontentare del confronto con Mike. L’utilità di Tom è stata quella di condurre la trama verso le scene di azione, che mi sono piaciute molto e hanno evitato che il doppio episodio risultasse troppo lungo e noioso. Sono servite, in particolare, come catalizzatore di tutte le storyline verso la comune conclusione: l’unione di tutti i cattivi contro Ryan, ognuno per i propri motivi, e l’agente Hardy che dà la caccia a tutti contemporaneamente (a parte Eliza, buttata lì a caso senza un perchè). Come ha osservato Mike, Daisy è l’unica che non ha un vero obiettivo da perseguire in questa lotta (e infatti ha tradito Mark, di nuovo), adesso che sono rimasti solo lei e Theo la sua posizione mi sembra più a rischio di prima: Theo potrebbe considerarla un inutile peso, che valore aggiunto porta alla sua fuga e alla sua vendetta? Mi dispiacerebbe vederla morire, lei e Mark erano i miei preferiti: uccidete Theo e lasciatemi la bionda!

The_Following_3x13_Ryan_Penny

Siamo, purtroppo, giunti alle soglie del series’ finale: resta poco tempo per dare una conclusione a tutti i personaggi e alle loro sottotrame, ma considerando la buona riuscita degli ultimi episodi sono molto positiva. La recente escalation degli eventi è il giusto presupposto per un finale che sia ricco di azione ma anche di momenti più intimi, in modo da dare il giusto addio a tutti i personaggi.

[Potete trovare questa recensione anche dalla nostra affiliata The Following Italia, che come sempre ringrazio per la collaborazione]

Facebooktwittergoogle_pluspinteresttumblrFacebooktwittergoogle_pluspinteresttumblr

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *